Perché la fede si porta all’anulare sinistro? Leggete qui!

Chi di voi non si è mai chiesto: “Perché la fede nuziale si porta all’anulare sinistro?”, la risposta non è affatto scontata, e neppure unica; è una tradizione comune in tutto il mondo e le spiegazioni che la accompagnano sono di diverso tipo.

La fede, o vera, è l’anello che unisce marito e moglie, durante il matrimonio, è circolare e simboleggia l’unione di due anime; generalmente è in oro giallo, in tempi recenti si sono diffuse le varianti in oro bianco, rosa, rosso o platino. Vi sono molte credenze sul motivo per cui viene portata a l’anulare della mano sinistra, così chiamato proprio da questa usanza: anulus-anello. Sembra che, già gli antichi Egizi, indossassero la vera su quel dito, infatti credevano che da lì passasse un’arteria chiamata romanticamente “vena amoris”, direttamente collegata con il cuore. Dopo anche i romani continuarono a portare avanti l’usanza egiziana.

Nella cultura cristiana la tradizione è stata mantenuta, l’anulare è il dito che il sacerdote tocca per primo ne l’invocazione del Padre, Figlio e Spirito Santo. Infine, anche una credenza cinese, sostiene che ogni dito della mano è legato a un soggetto legato da qualche sentimento d’affetto: il pollice rappresenta i genitori, l’indice i fratelli e le sorelle, il medio se stesso, il mignolo sono i figli e l’anulare appunto, è il partner. Sono molti anche i luoghi dove invece si indossa a destra: ad esempio nel nord Europa e nell’America latina. In India invece, tutte le dita vengono decorate nella cerimonia di nozze, l’anello che si indossa ricorda l’Uroboro, l’anello circolare a forma di serpente che si morde la coda, che rappresenta l’eternità.

E’ probabile che la nostra attuale tradizione venga proprio da queste antiche credenze? Secondo molti si. In seguito la mano sinistra fu definita “la mano del diavolo” proprio dalla tradizione cristiana…. sarà un caso??!! AHAHAH

di Lisa