Prima notte a casa con il neonato? 3 cose essenziali che devi assolutamente sapere

Hai partorito, dopo pochi giorni finalmente potrai tornare a casa insieme al tuo bambino. Ma ecco sorgere una nuova ansia, come sarà la sua prima notte a casa? Mentre in ospedale avevi qualcuno a cui poter chiedere aiuto o consigli, ora sei sola, si c’è il tuo compagno, ma è assalito da milioni di dubbi, proprio come te.

Riuscire a superare “la prima notte” in maniera spensierata, non è affatto semplice. Alcuni bambini si comportano “da manuale”: dormono, si svegliano per mangiare, fanno la pupù e poi di nuovo dormono… Altri neonati invece, sembrano “alieni”. Piangono, apparentemente, senza motivo, si addormentano al seno dopo aver ciucciato poco, vogliono essere riattaccati e poi no, dopo hanno le coliche… La buona notizia è che, anche loro, sono neonati come tutti gli altri. Semplicemente necessitano di maggiori attenzioni, soprattutto per abituarsi alla vita fuori dal grembo materno!

Ecco allora 3 cose che devi assolutamente sapere, sia per la prima notte che per le settimane successive:

  • Il tuo bambino non conosce la differenza tra il giorno e la notte.

Anche i neonati “più buoni”, necessitano di un adattamento alla vita fuori dalla pancia. Essendo nato solo da alcuni giorni, il nostro bebè non è in grado di distinguere il giorno dalla notte. Per cui ha bisogno di familiarizzare con l’alternanza di luce e buio. La sua cameretta, quindi, dovrà rispettare i ritmi biologici del piccolo, ma allo stesso tempo dovrà fornirgli elementi utili per distinguere il giorno dalla notte. Un consiglio? Agite con comportamenti diversificati, per esempio di notte potete allattare vicino ad una luce soffusa e di giorno magari con un altro rituale…

  • Concentrati sui bisogni primari di tuo figlio, ma pensa anche al tuo benessere.

Ora che sei a casa, probabilmente avrai tantissimi dubbi. Potresti non capire il suo pianto, non riuscire a svegliarlo per farlo mangiare, non sai se è vestito bene, se ha caldo… Fai bene a pensare a lui, a tutti i suoi bisogni, ma pensa anche a te! Approfitta del tempo in cui il tuo bambino dorme, per riposare anche tu e se devi pulire casa chiedi aiuto!

  • Il sonno è un momento di riposo.

Anche per soli 5 minuti, ma è fondamentale. Il tuo organismo e quello di tuo figlio, in questo tempo recupera energia. Cerca di trasmettergli buone abitudini relative al sonno e alle poppate. Se non ci riuscirai, prova ad assecondare i suoi ritmi e a ritagliarti un po’ di tempo per recuperare le energie.

Le prime notti insieme al tuo bebè saranno la palestra in cui sperimenterai il potere del contatto, del legame madre-figlio e dell’attaccamento materno. Queste peculiarità, non solo incideranno sulla personalità e sul carattere del bambino, ma saranno fonte inesauribile di energia!

Come è stata la vostra prima notte a casa con il bebè? Io ricordo di essere stata molto intimorita, per fortuna c’era il mio compagno che mi dava un po’ di conforto. L’unica cosa che posso dirvi è che ce l’ho fatta, sapete i dubbi e le incertezze aiutano ad essere migliori e attente. E poi vi suggerisco di stare tranquille. Ogni cosa viene naturalmente, il vostro istinto di mamma non vi lascerà mai da sole! Condividete!

di Lisa