Sapeva cosa l’aspettava ma quando è nato e ha visto il suo naso, è rimasta sorpresa

Amy People è una mamma che ha desiderato suo figlio con tutta se stessa. La gravidanza è andata alla perfezione, il piccolo non ha mai presentato problemi di salute ma, alla ventesima settimana, durante l’ecografia morfologica, il ginecologo si è accorto che c’era qualcosa di strano… Il naso del bambino era stranamente diverso. Si intravedeva un tessuto molle inaspettato che continuava a crescere sul volto del piccolo e che doveva essere tenuto costantemente sotto controllo. Ormai si era abituata a convivere con questo pensiero ma, nonostante, fosse pronta, vederlo alla nascita le ha fatto un certo effetto. Ollie, questo è il nome che ha scelto per il suo bambino, è nato nel mese di febbraio del 2014.

“Non ho pensato assolutamente niente di negativo, ma quando mi hanno dato Ollie tra le braccia, sono rimasta comunque sorpresa nel vederlo. Era piccolo e indifeso ma aveva questo enorme grumo sul naso, sembrava una patata, una pallina da golf, al centro del viso. Il mio cuore sapeva che sarebbe stato difficile ma sapeva anche che l’avrei amato comunque, non importava il suo aspetto”, racconta Amy durante un’intervista al Daily Mail.

Ma come immaginava questa mamma, non è stato facile ma non perché Ollie avesse problemi di salute, perché noi siamo cattivi, il genere umano è cattivo. Le foto del suo piccolo, che lei mostrava fiera, hanno ricevuto un gran numero di orribili commenti. Le dicevano che era brutto, lo chiamavano con nomignoli come pinocchio, lo prendevano in giro…

“Una volta una donna mi disse di essere un’egoista e che non avrei mai dovuto farlo nascere. Ho pianto per tre giorni.”

Attraverso la risonanza magnetica, i medici hanno diagnosticato un encefalocele (erniazione del tessuto celebrale a causa di una malformazione congenita del cranio). Vi spieghiamo meglio, Ollie aveva una crepa nel cranio e il cervello, che nel frattempo si sviluppava in modo normale, si è spostato verso il naso, continuando a crescere. Per questo motivo, il piccolo, purtroppo, ha dovuto subire subito un intervento.

“Inizialmente non volevo, a me andava bene così. Sottoporlo così piccolo ad un’operazione mi spaventava da morire ma poi i medici mi hanno detto che se non sarei corsa ai ripari, avrebbe potuto contrarre un’infezione o, addirittura, la meningite e sarebbe anche potuto morire. Così ho accettato. Dopo l’intervento aveva un grande cicatrice a zig zag sulla testa. Lo avevano praticamente aperto in due. Ma, nonostante ciò, nonostante tanta sofferenza, quando ha aperto gli occhi, lui mi ha sorriso. Vi ho raccontato la mia storia perché sono stufa e perché, nonostante oggi Ollie stia bene, continua a soffrire per colpa della gente cattiva. Volevo dirvi che sta a voi genitori insegnare ai vostri figli come comportarsi con le persone come mio figlio. Preferirei che le persone mi chiedessero perché Ollie è così, invece di dire ‘guarda quant’è brutto quel bambino’, ‘oh mio Dio, guarda la’. Lui è il pinocchio della mia vita e devo dire che dopo l’intervento va molto meglio.”

Sicuramente Ollie sarà sempre tenuto sotto controllo e in futuro dovrà subire altri interventi ma oggi è felice, insieme alla sua mamma, questa forte donna che lo aiuta ad affrontare la vita e gli sguardi indiscreti.

“Sarà sempre diverso ma lui è intelligente, divertente e mi stupisce ogni giorno. E’ il mio pinocchio speciale e lo amerò per sempre!”

Beh vogliamo dirti cara Amy che hai proprio ragione, tuo figlio è meraviglioso!

di Lisa