Tenta di eliminare i pidocchi con un modo naturale ma qualcosa va storto

Un famiglia è tornata da poco dalla loro vacanza in Normandia, sono rimasti piuttosto sorpresi quando si sono accorti che non erano da soli… le bambine avevano preso i pidocchi! “Ne ho trovati due sulla testa delle mie bambine, ma questi erano solo i genitori, i  fratelli di altre dozzine di pidocchi, povere piccole principessine indifese”, racconta la mamma delle due bambine, Michelle.

PIDOCCHI

Ci voleva a tutti i costi un “contro-attacco”! La mamma si precipitò nel bagno dove trovò il Pouxit, shampoo efficace per trattare i pidocchi. “Ho imbrattato la testa delle mie bambine di prodotto, forse anche troppo!!” , dice Michelle. Le bambine si erano quasi affezionate agli animaletti che camminavano sulle loro teste tanto che non volevano “ucciderli” ma tenerli come compagni… impensabile per la loro mamma!! Michelle si è subito organizzata: risciacquare, pettinare, lavare tutto, asciugamani, lenzuola cappotti e cappelli!!

Bimbi-Pidocchi

Il giorno dopo Michelle guardò la testa di Charlotte e Camille, le sue bambine, si grattavano continuamente… i pidocchi erano ancora li! Così la donna adottò un altro prodotto ma niente…“Quindi, o sono io che non lo so fare o questo prodotto mente!”, pensò Michelle. La donna ha ripetuto più volte i trattamenti, ma niente da fare, gli animaletti non volevano andarsene! E’ così che a Michelle balenò in mente l’idea di cercare una soluzione su internet… la prima ricerca ottenuta era: ACETO, un rimedio naturale contro i pidocchi. Prima di applicare il rimedio naturale su Charlotte e Camille, decise di essere prudente e di provarlo prima su se stessa. Dopo l’applicazione si è guardata allo specchio e… ORRORE! La donna era piena di chiazze rosse, era una reazione allergica esorbitante!!!

PIDOCCHI2

PIDOCCHI3

Cominciò a sudare a freddo, stava impazzendo, temeva che sarebbe rimasta così per sempre. Non era uno scherzo, quella era un’ustione di 3° grado! Michelle aveva, per fortuna un’amica farmacista, alla quale ha inviato una foto delle macchie che l’aceto aveva provocato sulla sua pelle: “Non ho un antistaminico, nessuna crema, non ho niente, niente di niente!”, mentre Michelle si disperava, in quei minuti di panico le chiazze piano piano cominciarono a sparire, ma la donna era ancora fuori di testa… il pouxit per le sue bambine era finito!! Ottimo per Charlotte e Camille che poterono stare ancora un giorno con il loro amichetti sulla testa!

“Prometto di non cercare più rimedi su internet, o almeno sarò prudente nell’applicarli, sentirò magari prima uno specialista o chiederò un consiglio alla mia amica farmacista!” conclude Michelle.

La storia è divertente ma ci fa riflettere: internet è un ottimo strumento di informazione, ci porta a conoscenza di molte cose ma il rischio comune è di incappare in alcune “bufale”, pericolose soprattutto quando si parla di salute. Questa storia è stata raccontata per invitarci ad essere prudenti con noi stesse e anche con i nostri bambini!

Condividetela con le vostre amiche e cerchiamo di evitare l’aceto!