Una particolare lettera di suo figlio dal campeggio

Dai ammettiamolo, i bambini ci fanno impazzire, ci fanno diventare matte ma ci fanno ridere da morire! Quante ne inventato? Nella maggior parte dei casi ci ritroviamo a guardare quello che hanno combinato e a pensare, non ci posso credere, tutte lui/lei le fa! E scoppiamo in grande risata!

Oggi vogliamo riportarvi il racconto di Harpin turns ahead, una nota blogger. Noi ci siamo divertite da matte a leggerlo e ci auguriamo di riuscire a far sorridere anche voi! Questa mamma ha mandato, per l’estate, suo figlio in campeggio e gli animatori avevano dato il compito ad ogni bambino del campus di scrivere una lettera che poi avrebbero mandato ai loro genitori. Ma quella lettera, così vera e sincera non era proprio quello che Harpin si aspettava!

“Cara mamma,

Volevo ringraziarti di aver messo, nella mia valigia, delle mutande extra, perché ho avuto la diarrea. Ho sporcato anche le scarpe ma il cuscino per fortuna no! Mi sto divertendo e sto imparando tanto. Ho mangiato tante caramelle, da lunedì bene 23. Ma ho ancora altri due giorni…

Batterò il record di 37 caramelle, ce la farò! Ci hanno portato a cavallo e il cavallo ha fatto la cacca tre volte! Mamma è stato fantastico, c’era il fumo sulla sua popò! Ho usato il mio spazzolino per sotterrare i vermi ma stai tranquilla quello che dorme sotto si me, mi permette di usare il suo. Non so il suo nome ma sai mamma, sa dire l’alfabeto ruttando, proprio come me!

C’è anche un altro bambino, si chiama Zack, lui sa dirlo al contrario, sempre ruttando! Io ci sto lavorando. Un giorno abbiamo messo del porridge nei capelli degli insegnanti, tanto non è buono da mangiare mamma, neanche con l’uvetta… è stato troppo divertente!

Ho scoperto di avere una buona mira, ho sparato con la pistola, sono bravo mamma… possiamo comprarne una quando torno? Sapevi che i peti si possono bruciare? Poi ti faccio vedere!

Ti voglio bene.

P.s: mamma i tuoi spaghetti sono meglio di questi qui al campeggio.

PSS: di a mio fratello di trattenere le scoregge fino a sabato.

Una lettera come dire… particolare! Hahhaha state sorridendo non è vero? I bambini sono qualcosa di incredibile ma a noi piace tanto raccontare tutto quello che combinano! Sono istanti che ricorderemo per tutta la vita e che, un giorno, quando saranno grandi, racconteremo anche a loro.

di Lisa