Valerio, il ragazzo speciale che ha salvato due bambine che stavano annegando

Questo episodio è accaduto su una bellissima spiaggia a Sabaudia e ci ha fatto conoscere un vero EROE! Valerio Catoia è un ragazzo di 17 anni che vive a Latina e che, quel giorno, era andato al mare con la sua famiglia. Valerio è diversamente abile, è affetto dalla sindrome di down ma è proprio questa sua diversità che lo rende speciale. Mentre se ne stava a rilassarsi sulla spiaggia, si è reso conto che qualcosa non andava. Due bambine si erano allontanate troppo dalla riva e non riuscivano più a tornare indietro. Avevano paura e chiedevano aiuto.

Valerio e il suo papà non hanno esitato a gettarsi in acqua e a correre in soccorso di quelle piccole spaventate. Hanno salvato entrambe le bambine, portandone a riva una a testa. Valerio è un vero nuotatore, partecipa a gare importanti da tantissimi anni ed è da quando ha tre anni che frequenta corsi e piscine.

Il suo allenatore si è dichiarato orgoglioso e stupito. Valerio durante il salvataggio ha dimostrato di ricordare e di aver appreso tutto ciò che gli è stato insegnato. Tutto ciò che aveva fatto solo con un manichino. Ma quella era una persona vera ed era tutta un’altra cosa. Le persone in spiaggia sono rimaste incredule dinanzi la scena. Si, è un ragazzo diversamente abile ed è un EROE, un CAMPIONE!

Vogliamo che tutti conoscano questa storia, perché quello che Valerio ha fatto merita di essere conosciuto! Nessuno sa come sarebbero potute andare le cose se non fosse intervenuto, ma una cosa è certa, tutto si è concluso a meraviglia grazie a lui e quelle bambine saranno eternamente grate al loro EROE SPECIALE!

Bravo Valerio! Vogliamo dirti che sei una grande persona e un ragazzo dal cuore d’oro! Grazie per averci regalato questa emozione e per averci dimostrato l’intelligenza, la capacità e il cuore di tutti i ragazzi speciali come te, contro ogni pregiudizio e ogni persona cattiva a questo mondo!

Aprite il cuore a Valerio amiche mie, complimentatevi con lui!

Fonte: www.ilmattino.it

di Lisa