Vestire troppo il neonato fa male. E allora come dovete regolarvi?

Ogni neo-mamma, indipendentemente dal periodo dell’anno in cui partorisce, si trova di fronte ad un dubbio comune: “Come devo vestire il mio bambino?”, Innanzitutto, bisogna sapere che i bambini appena nati, nei primi giorni di vita, non possono usufruire delle capacità termoregolatrici delle ghiandole sudoripare, presenti su tutta la superficie del corpo. Quindi se sentono caldo, non sudano, non espellono il calore in eccesso, ma semplicemente diventano rossi, nervosi e piangono.

Proprio questi sono i segni che ci fanno capire il disagio del nostro bebè, quindi è assolutamente importante esserne a conoscenza, poiché questo è il suo unico modo di comunicare. La mamma può controllare la temperatura del bambino, non toccando le manine o piedini, come spesso si crede, ma l’addome, parte del corpo che riflette la reale temperatura corporea.

Infatti contro ogni saggezza popolare, mani e piedi hanno una temperatura più bassa rispetto al resto de l’organismo. Quindi bisogna abbandonare la concezione secondo cui essendo piccolo, il bambino è più suscettibile al freddo e allora evitare di vestirlo eccessivamente. Inoltre, anche quando il bambino sarà più grande, risentirà dell’abbigliamento troppo pesante.

Dei piccoli accorgimenti permettono alle mamme di stare più tranquille riguardo il modo di vestire il proprio bambino:

  •  utilizzare sempre un body di cotone, direttamente a contatto con la pelle del neonato, per non irritarla;
  • scarpette e capellini sono superflui  (le scarpette solo quando il bebè sarà in grado di camminare e il cappellino in caso di molto freddo o per proteggerlo dal sole);
  • la temperatura della stanza dove dorme il bambino, non deve essere troppo alta.

Care mamma non preoccupatevi, basta fare un po’ di pratica. L’importante è non lasciarsi sopraffare dai mille problemi ma farsi guidare dal proprio istinto materno e soprattutto dal buonsenso, nulla di più naturale! Ricordo che la mia pediatra mi strillava sempre, andavo da lei a maniche corte e il mio bambino a maniche lunghe e con il cappellino di cotone. Ricordo che urlava e mi diceva: “sei pazzaaaa… tu hai caldo? E allora perché lui non dovrebbe averne? Devi vestirlo proprio come ti vesti tu!” E poi me lo spogliava…

Inizialmente la detestavo ma poi ho capito che aveva ragione. Ho iniziato a controllarlo e quando stava più “fresco”, il mio bambino era tranquillo, dormiva sereno e soprattutto di più! Stava anche meno male perché io lo facevo sudare e poi con il primo spiraglio di vento, lo facevo ammalare! Naturalmente ragazze nella vostra borsa non deve mai mancare, soprattutto in questo periodo, una felpina, un cappellino e una copertina di cotone, per essere pronte, se state fuori casa, ad un cambio improvviso del tempo!

Quindi non preoccupatevi troppo amiche mamme, provate a seguire questo consiglio! Condividete!

di Federica