Come camminare sui tacchi senza avere male ai piedi

 

Non è certo facile camminare sui tacchi. Non parlo solo di camminare con una certa eleganza, in questo caso molte donne andrebbero bocciate perché piuttosto che ondeggiare con grazia sui tacchi sembrano pestare il terreno come se fossero in marcia. Quello di cui oggi parleremo è come indossare i tacchi senza avere poi un male terribile ai piedi. La prima cosa da fare è comprare sempre scarpe del numero giusto, non devono essere troppo grandi o troppo piccole. Altra cosa è usare inizialmente tacchi bassi e poi alzarli piano piano.

Tacchi vietati a chi non li sa portare
Tacchi vietati a chi non li sa portare

Prima di cimentarsi con i tacchi fuori casa, è meglio fare delle prove in casa, cercando magari di ingrandire la pianta della scarpa indossando le scarpe con delle calze spesse e puntandosi sopra il phon. Non sarà poi elegante, ma se non si vede pazienza: posizionate un cerotto all’interno della scarpa in corrispondenza del punto d’appoggio della caviglia, eviterete le vesciche.

Non partite da subito con tacchi a spillo o stivali con tacco alto, sono più difficili da gestire: iniziate sempre con zeppe o anche plateau. Se la pianta del piede comincia a far male, usate dei plantari trasparenti.

di Laura Seri