Facendo colazione ho scoperto una talentuosissima designer di scarpe: Victoria Spruce

Credo che oggi, ragazze, ruberò del lavoro alla mia amica Alessia, della sezione Design. Sì perchè ci sono dei casi in cui moda e design si intrecciano indissolubilmente, e questo è uno dei casi in questione. Ale mi perdonerà (vero?), ma di questa ragazza inglese devo proprio parlarti!

La creazione di Victoria che preferisco!
La creazione di Victoria che preferisco!

Devi sapere che, ogni mattina, faccio colazione davanti al pc, sfogliando, tra un sorso e l’altro di tè verde e un morso di croissant, le pagine di blog e fashion web sites, per tenermi aggiornata sulle ultime novità. Con questa premessa, ieri mattina, mi sono imbattuta in un piccolo blog inglese dove ho visto, eccole lì, le meraviglie che puoi ammirare in queste foto. Sono ossessionata dalle scarpe, lo sapete! Sono convinta che, nel 60% dei casi, le scarpe facciano l’outfit: e con queste il gioco si fa fin troppo semplice.

Queste opere d’arte contemporanea nascono dalla mano di Victoria Spruce, giovanissima designer di scarpe di Londra, laureata fresca fresca quest’anno al Royal College of Art. Ha fatto gavetta presso un designer di scarpe di alto livello e adesso si sta mettendo in proprio, creando la sua prima, creativa, collezione di scarpe.
La collezione è ispirata a sculture fluide e organiche, dando l’idea che l’oggetto possa consistere in una sinuosa continuità di line. Victoria utilizza nuovi materiali e tecnologie, combinate alle tradizionali regole e leggi dell’arte calzaturiera: un elemento di contrasto che è altamente visibile tant’è che Victoria utilizza per le sue creazioni la tradizionale pelle combinata alla plastica. Il risultato è una combinazione di “hard and soft”, un contrasto tra lucido e opaco, tra tradizionalità e futuro, insomma un’idea di calzatura fresca e nuova.
Innamorata di queste scarpe, ho aggiunto subito Victoria ai miei amici di Facebook e le ho scritto. Lei mi ha risposto subito, davvero in modo gentile: purtroppo la collezione è ancora work in progress e quindi non è disponibile. Ma mettiamo la mano sul fuoco che sentiremo presto parlare di questa giovane shoes designer londinese?

Che tacco altissimo!
Che tacco altissimo!
Con il tacco a banana: che linea!
Con il tacco a banana: che linea!

di Irene Colzi