Le tendenze che (già) hanno stancato: righe, leoni, fluo

Durante le anticipazioni delle nuove collezioni avvenute lo scorso inverno tra sfilate, riviste e addetti ai lavori che elargivano consigli, ci avevano avvisati che le tendenze di quest’estate sarebbero state davvero coinvolgenti. Ci avrebbero prese tutte per la gola e ci avrebbero stimolato la mente nella realizzazione di mille outfit tutti-perfettamente-in-tendenza. Ma quello che ovviamente nessuna di noi si aspettava era di essere, più che coinvolta nelle tendenze, letteralmente TRAVOLTA da orde di persone che sposano un’idea talmente bene… da portarla all’esasperazione.

il mio stupore
il mio stupore

Una savana di leoni

Iniziamo da lei. La mitica, la desiderata, la più sognata, la più acquistata della sua categoria, adatta ad ogni tipo i outfit, ad ogni tipo di giorno, ad ogni tipo di occasione, ad ogni tipo di donna, ad ogni tipo di qualsiasi pensiero ci possa venire in mente. Di cosa parlo? Ma della felpa con la faccia di Simba, ovvio!!!

felpa con leone, fonte Kenzo
felpa con leone, fonte Kenzo

Manco stessimo facendo un remake del Re Leone tutti insieme, insomma. Ma partiamo dalle dirette colpevoli di questa diffusione a tappeto del capo incriminato: le fashion blogger. Siamo d’accordo che (inizialmente) la felpa era molto carina, però poi quando apri Instagram e almeno 23-25 Fashion blogger ne indossano una, su Pinterest la stessa invasione, Facebook ecchevvelodicoaffare, i blog ovviamente dedicano post a gogò all’oggetto di culto… un leggero senso di nausea quasi da primi mesi di gravidanza ti viene. Ma poi mi faccio una domanda ed aspetto da voi una risposta: quanto può essere producente vedere nello stesso momento un capo (vero o presunto, perché ovviamente ci sono i fake mischiati agli originali!!!) indossato da mille persone? Capisco per le vendite del marchio che ha ideato la felpa ma a mio avviso, tutto ciò pecca di poca, pochissima originalità.

Gente in prigione

Cambiamo leggermente argomento. Ora non parliamo di un capo che ha causato disturbi allo stomaco ma di una tendenza per intero. Come potete immaginare, il fatto è proprio assai grave. Ho iniziato a farmi tante domande su questa cosa da quando ogni giorno, da 20 giorni a questa parte, trovo foto di abiti, accessori, case, mutande, set di lenzuola, posate, vasi, portachiavi, piatti e pure fiori a RIGHE.

fuseaux a righe, fonte gabbaheystore.com.
fuseaux a righe, fonte gabbaheystore.com.

E soprattutto osservando i social network ho capito che davvero tutti non ne possono più. Me compresa. La scorsa estate ho scattato delle foto con un delizioso abito a righe, ho indossato spesso nei miei look un capo o un accessorio a righe ed anche in questo periodo lo faccio perché è una texture molto bella. Ma ATTENZIONE. Ho detto che indosso un capo, un abitino o un accessorio. Non mi riempio totalmente di righe partendo dal fermaglio che porto tra i capelli (ovviamente shatushati!), passando per la camicetta, per i leggins, la borsa fino alle scarpe e forse pure allo smalto. Ed anche questa volta ahimè devo un pò puntare il dito contro le Fashion blogger che hanno esasperato la cosa. Mi è capitato di vedere outfit di intere settimane su alcuni blog che riuscivano solo a parlare di questa tenzenza. Anche in questo caso rigiro a voi la domanda e soprattutto aspetto la vostra sentenza: trovate così utile le invasioni barbariche di capi e tendenze??

di Valentina Ciotola