97%, un cortometraggio che fa riflettere

 

Chi al giorno d’oggi non ha uno smartphone, corredato di applicazioni di ogni genere e qualità, alzi la mano! Giochi, social network, personal trainer e chi più ne ha, più ne metta.
Ci affidiamo totalmente a questi “aggeggi infernali” quando abbiamo un dubbio linguistico, una curiosità su un vip, un vuoto di memoria. Ormai siamo niente senza il nostro telefono…che fa di tutto, ma fa sempre meno telefonate.

100.000 visualizzazioni di 97%.

Dalle applicazioni installate su un telefono, possiamo quasi tracciare un profilo della persona che le usa. Viviamo in balia delle icone più stilose e avvenenti. Siamo nelle mani dei robot, signori!

Il mercato delle cosiddette app si fa di giorno in giorno più goloso e tentatore. Esiste una app per qualsiasi esigenza e, senza esagerare, anche per trovare la persona della nostra vita, la nostra anima gemella.
Ma siamo davvero diventati schiavi di apparecchi algidi e senza sentimenti come i nostri telefoni? Come è possibile che non riusciamo a fare più niente grazie solo alla nostra iniziativa personale?

immagine1
Premi vinti dal film 97%.

97%, come possiamo trovare l’amore della nostra vita oggi

Arriva dall’Olanda un’idea cinematografica che fa riflettere su quello che siamo diventati e quanto la tecnologia possa pilotare le nostre scelte. Anche quando abbiamo la possibilità di staccare il naso dal nostro telefono, non lo facciamo, nemmeno davanti all’incontro della nostra vita.

ripreseesterna
Durante le riprese esterne.

Si tratta di un cortometraggio un po’ lungimirante, dato che è stato scritto nel 2011 e girato nel 2013. Si intitola 97% e una percentuale dice tutto e non dice niente sul contenuto e soprattutto su come viene affrontata la tematica principale: la nostra dipendenza emotiva dalla tecnologia.

duescene
Due protagonisti del cortometraggio.

Sicuramente non è molto indietro nel tempo, ma alcune applicazioni che oggi sono tra le più usate e famose per trovare l’amore, come Grindr e Tinder, in teoria ancora non esistevano.

ripreseinterno
Durante le riprese nel treno.

97%, il cortometraggio

Bert, il protagonista, è in metropolitana dopo una giornata di lavoro. Come tutti gli altri passeggeri del treno ha la faccia incollata al suo cellulare che inizia a suonare in modo compulsivo quando la ragazza dei suoi sogni è vicina, deve solo trovarla e aumentare la percentuale della Love Match App dal 97% al 100%, prima che la metro raggiunga il capolinea. Una corsa contro il tempo e lo spazio angusto di un vagone della metropolitana, ignorando tutto e tutti.

riprese2
Una scena con il protagonista Bert.

Evidentemente, questa nuova chiave di lettura della realtà che ci circonda è stata molto apprezzata dalla critica di tutto il mondo, perché questo film è stato messo in concorso dalla bellezza di 65 festival!

scenafilm
Una scena del film.

97%, la regia

Ben Brand, il regista del film, ha dichiarato riguardo ai motivi per cui ha girato 97%: “La mia speranza è che il film spinga le persone a guardare anche chi gli sta di fronte, ogni tanto”.

riprese5
Durante le riprese con la protagonista femminile.

Giovane regista olandese, autore di corti davvero originali,  nei suoi lavori la realtà è dura, perché è vera, anche nei suoi film animati, la genialità si presenta in modo crudo così come è. Per questo, se volete, potete dare un’occhiata al sito in cui assistere ad altre mini-proiezioni.

Intanto buona visione!

 

di Michela Guida