Buoni propositi 2014: i film che ci aiutano a cambiare

Non so voi ma i buoni propositi per il nuovo anno sono una croce e delizia con cui misurarsi, anno dopo anno. Quando mi dico “no, non farli, tanto non li mantieni” quando invece, caparbia, addirittura li metto in lista, con il compiaciuto intento di smarcarli punto per punto. Per il 2014 ho deciso di farmi ispirare da film che danno messaggi positivi di cambiamento, di un nuovo corso e della possibilità per tutti di cambiare, mettendo in pratica i propri buoni propositi. Tra un anno ci diciamo se ha funzionato? (Ecco il mio primo buon proposito)

Kinky Boots – Decisamente diversi ( 2005 )

Non sempre siamo noi a imporci dei buoni propositi, a volte sono loro che vengono a cercarci: ci girano attorno ma poi finiscono per trovarci. Succede a Charlie Price, neoproprietario di una fabbrica di calzature maschili ormai in crisi, ereditata dal padre defunto. Charlie non vuole che la fabbrica chiuda e pur non sapendo quale sia la strada giusta finisce per percorrerla, con ai piedi degli stivali tacco 15 rosso fiammanti.

Ricomincio da capo (1993)

Se vi sembra di cadere in un loop senza fine di giornate una uguale all’altra, di gesti identici e modalità di comportamento che non cambiano mai, se pensate che non ci sia soluzione alla rottura della vostra monotonia il personaggio del burbero meteorologo Phil Connors (Bill Murray) ed il suo interminabile “giorno della marmotta” avranno qualcosa da insegnarvi.

Full Monty (1997)

Gaz (Robert Carlyle) è un operaio di Sheffield che perde il lavoro e senza un soldo non può prendersi cura del figlio Nate, avuto dalla sua ex-moglie. Gaz è una testa calda, uno che parla prima di pensare, in crisi per le circostanze e di natura un inconcludente. Ma se è vero che l’occasione fa l’uomo ladro, l’amore per il figlio Nate e la voglia di riscatto personale fanno l’uomo stripper e Gaz porterà a termine il primo serio impegno della sua vita, andando fino in fondo, servizio completo.

di Ilaria Danesi