Cannes 2013: si parte con il Grande Gatsby!!

Il grande Gatsby - foto da movieplayer.it
Il grande Gatsby – foto da movieplayer.it

Da domani fino al 26 maggio la Croisette prende vita per il tanto atteso festival di Cannes che quest’anno mette la quinta e apre il sipario con la proiezione dell’attesissimo Il grande Gatsby di Baz Luhrmann.

Attesissimo anche perché l’uscita nelle sale era prevista per Natale, ma per problemi atmosferici che hanno ritardato le riprese, l’uscita è stata posticipata a questo giovedì 16.

Dopo le 3 famose versioni precedenti (la più nota è quella con Robert Redford) questa di Luhrmann è di certo quella più originale e controversa.

Il grande Gatsby - foto da movieplayer.it
Il grande Gatsby – foto da movieplayer.it

Innanzitutto è in 3D e si svilupperà a ritmo di rap sulle musiche del rapper Jay-Z, altro che jazz perchè, come ha affermato lo stesso Baz: “l’hip hop è il jazz contemporaneo“.

Il suo Gatsby è un’esperienza intrisa di colori, di esagerazioni, di barocco estremo, di dinamismo, una produzione molto differente da quelle del passato, ma comunque molto fedele al corpo principale dell’opera originale.

Anche in questa versione viene messa a nudo l’ipocrisia dell’alta borghesia americana degli anni Venti: quella dolce vita fatta di feste, menzogne, musica, jazz, vuoti emotivi e crisi esistenziali, di alcol, fumo, ma anche di crisi economica, quella del crack del ’29 che vide un’America in ginocchio, dove i suicidi di chi perdeva tutto da un momento all’altro erano all’ordine del giorno.

Vi ricorda forse qualcosa tutto ciò? Nulla di più attuale.

Il tutto trova la sua massima espressione nel cast (con un Di Caprio perfetto nel ruolo di Gatsby) e nella colonna sonora, che dà l’accento giusto ad ogni scena e ad ogni singolo passaggio. Bellissimo il frame dove Jay-Z dice: “History doesn’t repeat itself, it rhymes”“La Storia non si ripete, fa rima con se stessa”.

Insomma non rimane che vederlo, da giovedì al cinema.

Il grande Gatsby - foto da movieplayer.it
Il grande Gatsby – foto da movieplayer.it

Ma la proposta dei film in gara è vasta e di grande qualità, gli altri film da tenere d’occhio sono:

La grande bellezza di Paolo Sorrentino (dal 21 maggio al cinema, guarda il trailer e morirai dalla voglia di vederlo)

Venere in pelliccia” di Roman Polanski

“Inside Llewyn Davis” di Joel ed Ethan Coen

“Le passé” di Asghar Farhadi

“Only God Forgives” di Nicolas Winding Refn

“Behind the Candelabra” di Steven Soderbergh

“Only Lovers Left Alive” di Jim Jarmusch

“The Immigrant” di James Gray

“Nebraska” di Alexander Payne

La grande bellezza - foto da movieplayer.it
La grande bellezza – foto da movieplayer.it

Da non dimenticare anche Un certain regard, rassegna minore che da sempre offre delle chicche notevoli.
Tra quelle di quest’anno vi segnalo il nuovo film di Sofia Coppola The Bling Ring, l’italiano Miele di Valeria Golino interpretato da Jasmine Trinca e prodotto (guarda un pò) da Scamarcio, molto interessante per sceneggiatura e colonna sonora di altissimo livello, e infine, il mio preferito, James Franco con il coraggioso As I Lay Dying, tratto dal complicatissimo romanzo Mentre morivo di William Faulkner.

Miele - foto da movieplayer.it
Miele – foto da movieplayer.it

A prima vista direi che sarà una bella gara, io i miei preferiti li ho già individuati, e tu per chi tifi?

La grande bellezza - foto da movieplayer.it
La grande bellezza – foto da movieplayer.it
Miele - foto da movieplayer.it
Miele – foto da movieplayer.it

di Carlotta Di Falco