Claudio Baglioni è il presentatore del Festival di Sanremo 2018

Dopo i rumors degli ultimi tempi, ecco confermate le voci che si rincorrono sul presentatore del Festival di Sanremo 2018: sarà Claudio Baglioni a condurre il Festival della Canzone Italiana, che si terrà nella 68esima edizione, sempre al Teatro Ariston della città ligure, dal 6 al 10 febbraio 2018. A confermare quello che in realtà sapevamo già da qualche giorno, una nota di Viale Mazzini, che ne dà l’ufficialità: ma cos’altro si sa del prossimo Festival di Sanremo 2018, conduttore a parte?

Non sappiamo chi affiancherà Claudio Baglioni sul palco del Festival di Sanremo 2018: i partner saranno svelati solamente in occasione della conferenza stampa che si terrà a gennaio, come di consuetudine. Nella nota resa pubblica dalla Rai, si legge solo che Baglioni sarà il capitano della squadra di Sanremo.

Mario Orfeo, direttore generale della Rai, spiega: “Siamo onorati e felici che Baglioni abbia accettato il nostro invito. Con Claudio costruiremo un’edizione di Sanremo in cui le canzoni e le interpretazioni saranno assolute protagoniste del più grande evento dedicato alla musica italiana“.

Non sappiamo con certezza quanto guadagnerà Claudio Baglioni per condurre il Festival di Sanremo 2018, ma sappiamo che prenderà meno dei 600mila euro presi dal suo predecessore: Carlo Conti aveva preso qualcosa come 650mila euro. Il contratto firmato da Claudio Baglioni riguarderebbe solo un’edizione, quella del 2018.

Claudio Baglioni è stato ospite del Festival di Sanremo, ma non ha mai partecipato come concorrente: e adesso, nella nuova edizione, ne sarà il conduttore. Del resto sono molti i cantanti italiani di successo che per scelta non sono mai saliti sul palco dell’Ariston nel ruolo di concorrenti, vedi anche Tiziano Ferro!

Come sarà il Festival di Sanremo targato Claudio Baglioni? Sarà Amarcord come i programmi condotti dal cantante insieme a Fabio Fazio? Sarà completamente incentrato sulla musica? E chi saranno i partner che saliranno sul palco insieme a lui? Per conoscere le risposte a queste domande dovremo aspettare ancora un po’!

di Redazione