Elio e le storie tese si lasciano per sempre

Questa volta è tutto vero e confermato, anche se le voci si rincorrevano da tempo: Elio e le storie tese finiscono il loro progetto insieme. Da un paio di anni le cose erano cambiate nel gruppo italiano più irriverente del panorama musicale nostrano: Rocco Tanica non si esibiva più live con la band dal maggio 2015, anche se partecipava alla realizzazione degli album. E anche in occasione dell’annuncio dello scioglimento del gruppo lui non c’era: a farlo solo Elio, Faso e Cesareo. Qualcosa si è rotto e a noi dispiace tanto!

L’annuncio ufficiale sulla fine di Elio e le storie tese è stato dato alle Iene dal cantante, insieme al bassista e al chitarrista. “È importante capire quando è ora di dire basta e passare ad altro. L’abbiamo detto. Non si torna indietro“, queste le parole di Elio, che continuiamo a vedere protagonista a X Factor, anche se non più come giudice dello show.

Elio e le storie tese suoneranno per l’ultima volta a Milano, al Forum di Assago, il prossimo 19 dicembre. “Ci vuole intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, influencer, rapper: queste sono le persone che oggi parlano ai giovani“. E quindi non c’è più spazio per loro? C’è chi dice che dopo il concerto di dicembre, se tutto andasse bene, ci potrebbe essere un tour di addio e anche un album… Ma sono solo voci.

Ci mancherà molto la loro musica demenziale cantata e suonata da artisti di tutto rispetto,c he conoscono bene la musica e sanno come impressionare con parole, testi, accordi, arrangiamenti. Negli anni Novanta (il debutto è del 1989 con Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu) sono stati dei veri e propri idoli.

E, ammettiamolo, ogni volta che si sono presentati a Sanremo, abbiamo sempre tifato per loro: nel 1996, quando con la Terra dei Cachi sono arrivati secondi, ma anche successivamente nel 2013 e nel 2016.

Ci mancheranno? Sì, ci mancheranno: ma ci lasciano tante canzoni che continueremo ad ascoltare e cantare… E poi scommettiamo che li vedremo ancora in tv, anche se non insieme?

di Redazione