Essere regista con un I-Phone? È possibile!

“Usare uno smartphone per realizzare film equivale ad avere un intero studio di produzione in tasca”.
Sono le parole di Sascha Ceizata un regista californiano che ha dimostrato come sia possibile girare corti di animazione usando l’iPhone.
Il suo primo esperimento Where’s When Lynch Met Lucas, che ricrea una conversazione telefonica fra i due registi hollywoodiani, lo ha consacrato fra i registi di nuova generazione più promettenti della West Coast.

Scena di "Where’s When Lynch Met Lucas"
Scena di "Where’s When Lynch Met Lucas"

All’ultima edizione del Disposable Film Festival di San Francisco, manifestazione dedicata agli short movie girati con cellulari e pocket camera, ha presentato il suo nuovo progetto The Sheik & I, ovvero il primo lungometraggio con scene in stop motion realizzate con l’iPhone, creato in collaborazione con il famoso regista iraniano-americano Caveh Zahedi.

Come si realizza un corto con l’I-Phone?
Come ha spiegato lo stesso Ceizata solitamente si inizia con un clip audio, pre-registrato o scritto.
Una volta che si ha la storia si comincia con uno storyboard, si crea quindi un background, si disegnano i personaggi e si esegue un “cut-outs” in stop motion con le parti in movimento.
Da qui si gira tutto con l’iPhone.
Una volta terminato il regista invia il materiale al montatore che comincia l’assemblaggio dei pezzi. Ed qui che l’animazione prende realmente vita.

I tempi e costi della produzione
Come ha spiegato lo stesso regista a seconda della lunghezza può richiedere dalle tre settimane al mese.
I costi sono relativamente bassi, ma se ci si avvale della collaborazione di qualche collaboratore ovviamente crescono.

Che sia il nuovo modo di fare cinema? Di sicuro con i tempi che corrono è davvero ipotizzabile che il modo tradizionale di girare i film sia in via di estinzione, aggiungerei… purtroppo!!

di Carlotta Di Falco