Fedez accusato di aver istigato i No Expo

 

Quando succede qualcosa è necessario trovare sempre un capro espiatorio.
È la volta di Fedez che, giovedì 30 aprile, attraverso Twitter, ha appoggiato pubblicamente il corteo di No Expo, spiegando i motivi per i quali ha deciso di non sostenere l’esposizione universale di Milano inaugurata ieri e supportando i collettivi protagonisti del corteo.

Non l’avesse mai fatto.
Il giorno dopo, quando i Black Bloc si sono infiltrati nel corteo No Expo, mettendo Milano a ferro e fuoco, giornalisti e politici hanno colto la palla al balzo per additare la colpa dell’insurrezione cittadina al rapper e al suo collega J-Ax (anche lui favorevole ai No Expo).

Fedez chiaramente non rimane in silenzio e, sulla propria pagina ufficiale Facebook, pubblica un video per fornire una replica adeguata a tutte le critiche. Il video è accompagnato da questo commento:

Quello che sta avvenendo nei confronti miei e di J-Ax è scandaloso. Far passare il ragionamento che chi esprime dissenso verso l’azione governativa è AUTOMATICAMENTE a favore dei Black Bloc non è solo stupido e repressivo ma anche disonesto e chi finge di non capirlo è in malafede. Non ci presteremo a essere i capri espiatori dei vostri fallimenti, se questo è il modo per metterci un bavaglio sappiate che non funziona.

 

di Eliana Avolio