Il 29 febbraio a Roma la Poesia scende in piazza

Può ancora oggi la poesia diventare potente strumento di comunicazione?
La risposta è sì, sfruttando le nuove possibilità della rete e chiedendo ai poeti di tutto il mondo di alzare la voce su quello che non va.

Il 29 Febbraio 2012, a partire dalle 20.30, ci sarà un grande evento: il primo di una serie di reading poetici trasmessi in diretta streaming mondiale in contemporanea in oltre sessanta Paesi.
Puoi seguire lo streaming direttamente dal sito del
World Poetry Movement.

A Roma l’appuntamento è al locale Le Mura, in via di Porta Labicana 24, uno dei luoghi canonici della poesia e si rivolge a tutti coloro che hanno il piacere di prendervi parte.

Accanto alle performance di giovani poeti romani (Marco Lupo, Marco Cinque, Alessandra Bava, Olga Campofreda, Angelo Zabaglio ed altri) tutti quanti sono chiamati a condividere una poesia sul palco. L’ingresso per i possessori di tessera è libero, ma in ogni caso la tessera ha un costo di 1 euro, quindi davvero alla portata di chiunque.

Le performance sono precedute dalla proiezione del film documentario sulla vita del poeta Jack Hirschman, “Il Poeta Rosso” di M. Furey.

L’iniziativa è a cura del World Poetry Movement, cos’è?

Si tratta di un organismo internazionale che nasce con l’obiettivo di fare luce sulle problematiche più rilevanti dei nostri tempi su temi politici, sociali, ambientali attraverso la poesia. Da una comunicazione efficace e diretta, quale quella permessa dai versi letti in pubblico, il passo successivo previsto sarebbe quello dell’azione, così da riuscire a contraddire il luogo comune che connette l’arte poetica esclusivamente alla dimensione estetica, ben lontana dalla concretezza quindi.

Tra i principali sostenitori di questo movimento spicca il nome di Lawrence Ferlinghetti, storico protagonista della Beat Generation (a questo proposito guarda il film L’Urlo e capirai di cosa sto parlando, davvero fantastico!!).

Lawrence Ferlinghetti, con Allen Ginsberg e Bob Dylan
Lawrence Ferlinghetti, con Allen Ginsberg e Bob Dylan

Nel 2014 il WORLD POETRY MOVEVEMENT sarà riconosciuto Ente Mondiale per la Pace dall’UNESCO.

L’evento inoltre si avvale della collaborazione e della partecipazione dei fotografi di Shoot4Change.

Se sei a Roma non mancare a questo inusuale, poetico appuntamento, nel nostro paese sono eventi poco frequenti, ne vale la pena!!

di Carlotta Di Falco