Io ci sono: il tributo in musica di cinquanta artisti italiani a Giorgio Gaber

Giorgio Gaber
Giorgio Gaber

Nel decennale della scomparsa di Giorgio Gaber esce Io ci sono, una raccolta di cinquanta cover delle canzoni del Signor G, in un tributo all´ereditá artistica lasciata dal cantautore milanese. Non a caso é stato scelto il titolo Io ci sono, canzone omonima tratta dall’album Io come persona a voler sottolineare la ferma adesione degli artisti nel voler partecipare al progetto, cosí come la presenza ancora vivida di Giorgio Gaber per tutti quanti gli italiani.
È la prima volta nella discografia italiana che si arriva ad un tributo di questa portata. Cinquanta artisti della musica italiana con l´unica eccezione di Patti Smith che reinterpretano in successione temporale i singoli piú e meno noti ma sicuramente significativi del canzoniere di Giorgio Gaber, in un parallelismo con la realtá di oggi: poco o nulla é cambiato rispetto ai tempi di Gaber.

Cover di "Io ci sono"
Cover di "Io ci sono"

Io ci sono é pubblicato su supporto cd in due versioni, standard e deluxe che contiene anche 2 dvd con materili inediti, una poesia dedicata a Gaber scritta da Renato Zero e tre rare fotografie.

Renato Zero
Renato Zero

Nella versione digitale, oltre ai cinquanta brani della tracklist ufficiale, un bonus di quattro tracce esclusive: Giulio Casale con “La festa”, Paolo Benvegnù con “Io e le cose”, Bandabardò con “L’odore” e Luca Carboni con “Far finta di essere sani”.

Paolo Benvegnù
Paolo Benvegnù

Io ci sono é pubblicato dalla Fondazione Giorgio Gaber che si occupa della divulgazione e la valorizzazione della figura e dell’opera di Giorgio Gaber, attraverso
le dell’omonima Associazione Culturale costituitasi all’indomani della scomparsa dell’artista nel 2003.

Bandabardò
Bandabardò

di Ilaria Danesi