Le star più pericolose del mondo

Quali sono le star più pericolose del mondo? Attenzione, non stiamo parlando dei nemici pubblici numeri uno, di quelle celebrità che tra genio e sregolatezza ne hanno combinate di tutti i colori. Stiamo parlando dei vip i cui nomi sono spesso collegati a siti truffa, nei quali possono incappare i fan che invece sarebbero alla ricerca di link utili per conoscere meglio i loro personaggi preferiti. La società di sicurezza informatica McAfee ha stilato per l’undicesimo anno consecutivo la classifica delle celebrità più pericolose online. Una classifica di soli cantanti!

Chi c’è al primo posto della classifica internazionale? La cantante Avril Lavigne, che sarebbe la star più pericolosa online, la cui ricerca sui motori genera più risultati potenzialmente pericolosi. “Cercando sulle rete ‘Avril Lavigne free mp3’ si ha il 22% di probabilità di ritrovarsi su un sito web dannoso“: la cantante era seconda nel 2013, dietro Lily Collins, quest’anno è invece prima in assoluto.

Anche le star italiane sono presenti nella lista delle celebrities più pericolose online, anche se con percentuali di rischio più ridotte (tra il 2% e il 7%). La classifica italiana vede al primo posto Emma Marrone, ma scorrendo i nomi troviamo anche Vasco Rossi, Fedez, Belen Rodriguez, Gianluca Vacchi, Valentino Rossi, Francesco Totti, Chiara Ferragni, Michelle Hunziker, Ilary Blasi.

Antonio Gaetani, Director Partner Product Management di McAfee, spiega: “Anche se un po’ più sicure in generale, rispetto ai risultati globali, le attività di ricerca online nel nostro paese legate alle celebrità continuano a generare risultati rischiosi, invitiamo tutti a stare più attenti e ad evitare di fare clic su pagine che sembrano sospette“.

Gary Davis, chief consumer security evangelist di McAfee, aggiunge: “Nel mondo digitale di oggi vogliamo gli ultimi album di successo, video, film e altro ancora, immediatamente disponibili sui nostri dispositivi. Spesso, purtroppo, soddisfiamo i nostri desideri di fan accaniti senza pensare alla sicurezza. Dobbiamo imparare a fermarci un attimo e considerare i rischi associati alla ricerca di contenuti scaricabili. Pensare prima di cliccare è una buona abitudine per navigare online in modo sicuro“.

Facciamo sempre attenzione ai link che apriamo quando facciamo ricerche online: non fidiamoci di tutti ciecamente!

di Redazione