Luca Argentero: che fatica il matrimonio

 

Luca Argentero è sposato da tempo con la collega Myriam Catania: un rapporto che spesso viene messo in discussione dalle riviste di gossip, che insinuano amanti e crisi vari nel loro rapporto, che invece pare vada a gonfie vele. L’attore, che possiamo vedere al cinema in questi giorni nel cinepattone “Vacanze ai Caraibi”, in occasione di un’intervista rilasciata al settimanale Grazia confessa che il matrimonio è una parte importante e fondamentale della sua vita, ma è anche una gran fatica. E come non condividere il suo pensiero?

luca-argentero1
Luca Argentero è al cinema con Vacanze ai Caraibi

Luca Argentero, che in queste vacanze si dividerà tra Torino e Roma, per trascorrere le feste sia con la sua famiglia sia con quella della moglie, ammette che questo periodo servirà per riposarsi e per stare un po’ con sua moglie:

In effetti in questi mesi ci siamo solo incrociati. Ecco perché, a periodi di grande attività, devono alternarsi momenti in cui ti prendi cura di te, della famiglia“.

Perché il matrimonio conta molto per lui:

luca-argentero2
Luca Argentero e Myriam Catania

Il mio matrimonio conta molto, ma sono consapevole che sia una fatica. Un lavoro difficile, non scontato: va alimentato, coltivato, soprattutto se stai con una donna complicata. Quando ci si sposa, si mette sulla carta un “bollino per l’eternità”. Dal punto di vista spirituale è giusto: mi prenderò sempre cura di mia moglie. Ma dal punto di vista pratico, credo che ogni due o tre anni ci vorrebbe un corso di aggiornamento“.

Come superare i momenti di difficoltà?

Smussare alcuni aspetti del proprio carattere. Myriam, per esempio, fa fatica a fermarsi: in 10 anni non l’ho mai vista per più di mezz’ora seduta sul divano. È adrenalinica, al limite dell’esasperazione. Sta diventando un difetto: si annoia in fretta. Io invece con gli anni ho imparato a ritagliarmi del tempo per rilassarmi, e fermarmi anche fisicamente. Non bisogna essere necessariamente sempre pieni di interessi“.

Myriam, a te la parola ora!

di Redazione