Masterchef Italia: sesta puntata, ospite Iginio Massari

La triade di giudici con Iginio Massari - foto Sky.Masterchef
La triade di giudici con Iginio Massari – foto Sky.Masterchef

Che dire della sesta puntata di Masterchef Italia, con ospite Iginio Massari andata in onda ieri sera su Sky Uno? Più che dolcezza, dettata dalla presenza del maestro dei pasticceri italiani Iginio Massari, punte di asprezza come un cetriolo non spurgato, ma andiamo per ordine. Sono rimasti tredici concorrenti in cucina ad aprire una ricca Mystery box dei super ingredienti: pomodori neri della Crimea, cipolla rossa d’Acquaviva, uova livornesi ma soprattutto l’ingrediente che tanto ha fatto twittare la rete: la misteriosa quaglia siberiana.

Vince la prova della mystery box Eleonora che in dispensa, davanti ai giudici Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich, si lascia andare su due nomi che proprio le stanno “sui fornelli”: Rachida e Beatrice. Ecco che evocato da cotanta perfidia compare, dai meandri della dispensa, Iginio Massari, camice bianco e sorriso diabolico. Il maestro propone tre dolci di sua creazione tra la tipologia delle “torte da credenza” (farcite o decorate) ed Eleonora dovrà scegliere la base per la prova dell’Invention test tra un pan di spagna, il bignè e la pasta frolla. Eleonora sceglie il pan di Spagna per la prova, ascolta i consigli del maestro e lascia gongolante la dispensa.

Durante l’invention test accade una scena che supera in desolazione il melodramma di Rachida della quinta puntata: crisi isterica di Beatrice che in preda al panico e al pianto comincia a mendicare pan di Spagna da tutti i concorrenti, manca poco lo chieda anche al cameraman e lo smacco è che sia proprio Eleonora – sua acerrima nemica – a prestarle un tozzo di pan di Spagna avanzato.

A fine prova, prima di giudicare i dolci dell’invention test i giudici decidono di eliminare Beatrice dalla gara, perché incapace di presentare un piatto preparato da lei. Comincia la sfilata di torte sotto gli occhi dei giudici e del maestro Massari che durante gli assaggi si prodiga in commenti lusinghieri come quello sul pan di Spagna di Rachida, valido alleato per far durare un matrimonio.


Si salvano solo Alberto con un dolce “accettabile” e dal miglior pan di Spagna, ed il professorino Federico con il miglior dolce della prova, complessivamente. Ritira il premio Federico con una sbrodolata di complimenti e incensamenti al maestro Massari che saluta tutti e torna nell’abbattitore, pronto per Masterchef Italia 4. I peggiori della prova, Ludovica, Michele (Guida) e Michele (“cannibale” Canistraro) andranno direttamente al Pressure Test, senza prova in esterna. Premio speciale “proiettile letale” al pan di Spagna di Michele (Guida) con la performance di Joe Bastianich, che non perde mai occasione di ricordarci quanto lui sia Ammmericano. Il giudice si esibisce in un lancio in prima base di una palletta del pan di Spagna di Michele.


La prova in esterna è dedicata allo street food, da preparare per 100 tra operai ed impiegati di una centrale elettrica. I concorrenti hanno tre chioschi di tre colori diversi ed a sorpresa, una volta fatte le squadre, scopriranno che per ogni colore scelto è abbinata una diversa cucina: etnica, mediterranea e tex mex. Eleonora, Federico e Almo per la cucina etnica, Enrica, Alberto e Rachida quella tex mex mentre Marco, Salvatore ed Emma la mediterranea.
Rachida, sempre più incompresa ed incomprensibile, dispensa consigli non richiesti sulla cottura della carne.

Riesce a farsi ben volere come suo solito, non solo dal flemmatico Alberto e dalla diplomatica Enrica ma anche dall’iracondo Bastianich.


Vince la squadra gialla, perde la rossa con Alberto, Enrica e Rachida che raggiungono Ludovica, Michele cannibale e Michele Guida al pressure test. Prova ardua, cucinare un piatto in soli 15′. Alberto ed Enrica “salvi subito” mentre gli altri quattro hanno altri 10′ per fare la spesa in dispensa e preparare un altro piatto. Nonostante Rachida abbia rischiato il linciaggio mediatico proponendo un piatto di prosciutto e melone, l’ha sfangata anche questa volta, rimediando in corner con uno scampo su insalatina.

Michele Guida ha la peggio con degli involtini di melanzane e deve lasciare il grembiule, mentre Rachida, Michele Cannibale e Ludovica tirano un sospiro di sollievo, subito interrotto dall’annuncio di Bastianich: il pressure test continua e devono preparare un altro piatto in 5′.
Rachida pensa bene in 5′ di fare la polenta, invece della caprese che ormai tutti ci aspetteremmo, e si salva, assieme al Cannibale, mentre Ludovica amareggiata deve lasciare il grembiule. Si spengono le luci e i fornelli sulla cucina di Masterchef ma su Twitter un interrogativo non trova risposta…Quando? Quando sarà il suo momento?

di Ilaria Danesi