Musica 2013: gli album in uscita da tenere d'occhio

Pearl Jam – Album per ora senza titolo, decimo in studio della discografia, work in progress per cui sarebbero pronti 7-8 pezzi.
Se ne parla da fine 2011 ma tra gli impegni dei singoli componenti pare che nel 2013 dovrebbero tornare in studio per registrare. Jeff Ament è stato impegnato con il progetto parallelo RNDM e la pubblicazione del nuovo lavoro Acts, Matt Cameron con i Soundgarden per l’album King Animal ed Eddie Vedder con il tour americano, nonchè endorser di Obama. Il tempo passa ma Jeff Ament scongiura l’effetto Chinese Democracy dei Guns’n’Roses (n.d.r. dieci anni di attesa per un album che è la corazzata Potemkin fantozziana della discografia GNR)

Jimi Hendrix – People, Hell and Angels. Uscita prevista il 5 marzo 2013 per un album di dodici canzoni inedite registrate tra il 1968 e il 1969 in cui Hendrix sperimenta sonorità nuove con l’introduzione di tastiere, corni, percussioni ed una seconda chitarra. Resta marcato lo stile ed il carattere di genio alla chitarra ma in un contesto nuovo.

Depeche Mode – Album per ora senza titolo, tredicesimo in studio della discografia. Dave Gahan anticipa che il titolo sarà un gioco di parole rispetto al nome della band. Cosa aspettarsi da questo nuovo lavoro? Dice Dave Gahan: “Un album molto immediato e naturale. Non è un disco blues, ma ha certamente un’atmosfera dai richiami soul. Durante il processo di registrazione abbiamo cercato di fare entrare nell’album l’essenza della performance e del live”. Soul e Depeche Mode nella stessa frase mi procurano grandissima curiosità, staremo a sentire.

Arcade Fire – Album per ora senza titolo, quarto in studio della discografia. Data prevista di uscita primavera 2013, di certo il gruppo inglese sta lavorando alla produzione con James Murphy (produttore, musicista, ex-fondatore degli LCD Soundsystem). Dedizione assoluta per gli Arcade Fire, in una recente intervista radio il batterista Jeremy Gara ha dichiarato “Siamo in studio a tempo pieno, di fatto ci siamo chiusi dentro […]Abbiamo lavorato sulla nostra musica e basta, a parte farci crescere la barba. Il resto del tempo l’abbiamo passato a casa nostra, uscendo di tanto in tanto a cena insieme”.

Deep Purple – Album per ora senza titolo, diciannovesimo della discografia. Udite udite, ci sarà un seguito all’ultimo Rapture of the Deep del 2005. Data prevista nei negozi aprile 2013, la tracklist è di tredici pezzi prodotti da Bob Ezrin, già al lavoro in passato con Kiss, Lou Reed e Pink Floyd.

di Ilaria Danesi