Noi siamo tutto: quando riesci a rischiare tutto per amore

Cosa succede se non si può venire a contatto con il mondo esterno? Senza mai un respiro d’aria fresca, né un raggio di sole caldo sul viso… o un bacio dal ragazzo della porta accanto?

Se amate i film romantici, toccanti, commoventi, quelle pellicole che ti riportano indietro a sentimenti puri e non contaminati “Noi siamo tutto” nelle sale da oggi, è il film che fa per voi! Noi siamo tutto racconta l’improbabile storia d’amore di Maddy, una diciottenne intelligente, curiosa e fantasiosa, costretta da una malattia a vivere all’interno dell’ambiente ermeticamente sigillato della sua abitazione e Olly, il ragazzo vicino di casa, che non permetterà alla malattia di allontanarli. 😍

Tutti i giorni sono esattamente gli stessi. Forse oggi sarà diverso…

Diretto da Stella Meghie e basato sull’omonimo romanzo di Nicola Yoon, diventato in pochissimo tempo best-seller, Noi siamo tutto ha tutte le carte in regola per essere il film con la storia d’amore più delicata dell’autunno, dove i sentimenti adolescenziali si mescolano con le difficoltà di una condizione fisica precaria, dove non esistono barriere quando i sentimenti sono forti e veri.

Maddy, Amandla Stenberg è affetta da SCID (sindrome da immunodeficienza combinata):  in una patologia come questa, il sistema immunitario è gravemente compromesso, così tanto che l’organismo è incapace di difendersi da qualsiasi agente infettivo, una sorta di incompatibilità con il mondo, dove un semplice raffreddore può cambiarti letteralmente la vita. Una vita vissuta attraverso schermature, protezioni, una patologia che ti chiude in  una prigione, la casa, che si trasforma nel caso di Noi siamo tutto in un unico, singolo, protetto spazio esistenziale, da cui affacciarsi ad una finestra per goderne i colori.

Noi siamo tutto dal 21 settembre al cinema…ci vediamo in sala?

di Alessia Mariani