Paris Hilton: come far soldi senza talento

Attrice, cantante, modella e DJ, Paris Hilton è una delle dive più poliedriche dello star system contemporaneo. Almeno sulla carta! Figlia di Richard Hilton e Kathy Hilton, l’ereditiera raggiunge la fama mondiale senza alcun tipo di talento. Un’icona sui generis che, prima delle sorelle Kardashian, domina i magazine tra problemi con la legge, spese folli e vezzi da star. Dopo l’esperienza nella moda, recita nell’horror La maschera di cera, incide l’album pop Paris e lancia venti fragranze in tutto il mondo.

Tra lo scandalo del sex tape con Rick Salomon e le foto piccanti con Britney Spears, la Hilton diventa la celebrity più controversa di Hollywood. In occasione del trentaseiesimo compleanno della regina del gossip, vi riveliamo i segreti di Paris Hilton per restare sulla cresta dell’onda:

Un bluff di modella

evidenza 1
Paris Hilton, una modella di plastica

Occhi azzurri, capelli biondi e fisico slanciato, la Hilton è una modella a tutti gli effetti. Ma l’inganno è dietro l’angolo! L’ereditiera ha i capelli castani (e non platino come siamo abituati a vederla sulle passerelle di tutto il mondo) e gli occhi marroni. Secondo le indiscrezioni trapelate in rete la Hilton spende trecento dollari al mese per il suo sguardo magnetico e maschera la chiacchierata altezza con tacchi stratosferici.

Un bluff di modella che ci insegna che, con qualche accorgimento (e un migliaio di dollari mensili da spendere), ogni donna può diventare un cliché da passerella.

Una cantante senza voce

musica 2
Paris Hilton sulla copertina del suo album di esordio

Seguendo le orme di Britney Spears, Paris Hilton pubblica nel 2006 Paris che debutta nella Billboard 200. Accompagnato dai video di Stars Are Blind e Nothing In This World, l’album d’esordio apre una parentesi musicale segnata dal musical Repo! The Genetic Opera e dai singoli promozionali Good Time e Come Alive. Nonostante il physique du rôle da popstar, Paris Hilton non si esibisce live! Una fragilità che accende il mistero sulle sue reali doti canore mascherate da autotune ed effetti vocali.

Che la Hilton sia la Sirenetta della disco music? Il dubbio è lecito! Conoscendo gli inganni dell’ereditiera, Paris Hilton potrebbe essere la prima cantante senza voce della storia!

Un’attrice che interpreta se stessa

attrice 1
Paris Hilton, vittima ma con stile

Qual è il segreto per recitare in film e serie tv di successo senza talento? La risposta è semplice, interpretare se stessi! Paris Hilton recita in Zoolander, The O.C., La maschera di cera, Supernatural e Bling Ring nel ruolo dell’americana bionda e oca. Un personaggio su misura che la consacra tra le più amate guest star dell’entertainment mondiale!

Nonostante Paris Hilton giuri di amare la recitazione, la sua performance più riuscita è la vittima nel thriller La maschera di cera.

Una DJ molto vogue

dj2
Paris Hilton nelle vesti di DJ

Paris Hilton ama il mare, le notti brave e il clima tropicale. Allora perché non riciclarsi come DJ? Da qualche anno la Hilton è una delle disc jockey più amate di Ibiza. Il suo nome richiama migliaia di ragazzi da tutto il mondo e le sue playlist infiammano club prestigiosi come l’Amnesia.

Probabilmente Paris Hilton si limita a selezionare venti brani dance e a premere il tasto play ma la fama da bad girl e il mistero che la circonda la consacrano la DJ più vogue del momento.

Un’abile imprenditrice

Paris imprenditrice
Paris Hilton, un’icona mondiale

L’abbiamo criticata come modella, cantante, attrice e DJ ma su un talento non possiamo mettere bocca: Paris Hilton è una delle più brillanti imprenditrici del ventunesimo secolo. In un decennio l’icona del gossip mondiale ha guadagnato oltre cento milioni di dollari senza alcun tipo di estro artistico.

Siamo sicuri che Paris Hilton sia la femme fatale che vuole farci credere? O sotto le extension e il make up si nasconde un genio del marketing? Considerati i risultati, non è difficile crederlo. Dopotutto, come afferma Jean de La Bruyère, “Al mondo non ci sono che due modi per fare carriera: o grazie alla propria ingegnosità o grazie all’imbecillità altrui”. Come dargli torto?

di Carlo Andriani