Perchè non ti sei (ancora) sposata?

Tracy Mcmillan
Tracy Mcmillan

Un anno fa la famosa sceneggiatrice di Mad Man, nonché giornalista dell’Huffington Post, Tracy Mcmillan, proprio nel giorno di San Valentino pubblica un articolo molto provocatorio dal titolo “Perché non ti sei (ancora) sposata?” suscitando reazioni incendiarie in tutto il globo, Italia compresa.

L’articolo ha fatto tamtam sui blog e sui giornali online ed esattamente un anno dopo è stato pubblicato un libro sul tema, in cui la Mcmillan, esorta le singles a capire come mai non si siano (ancora) sposate.

La copertina in inglese del libro
La copertina in inglese del libro

Il libro è uscito il 31 ottobre scorso, avendo seguito la vicenda ero curiosissima di leggerlo e mi sono riservata le vacanze natalizie per farlo.

Premetto che pur essendo attualmente fidanzata, ho ben presente cosa significhi essere single, ho passato gli ultimi 3 anni della mia vita altalenando tra momenti di euforia acuta e altri di tragedia greca, dove il senso di squallore e di rigetto verso il genere maschile regnava su tutto.

Perchè non ti sei (ancora) sposata?
Perchè non ti sei (ancora) sposata?

L’approccio iniziale con la nuova lettura non è stato dei migliori, non facevo altro che ripetermi: “Ecco un’altra, l’ennesima emancipata che difende gli uomini a prescindere, perché le donne oggi sono troppo aggressive, pretenziose e dirette.
Avrei un elenco niente male di tutti i deficienti che mi sono capitati e che, nonostante la mia correttezza, non ci hanno pensando nemmeno un secondo a prendersi gioco di me!!”

Ma mi sbagliavo!!

Continuando a leggere ho cominciato a capire cosa c’era dietro alle provocazioni della Mcmillan.

Perchè non ti sei (ancora) sposata?
Perchè non ti sei (ancora) sposata?

Il concetto è che non puoi cambiare gli altri intorno a te, non ti è permesso, ma se vuoi di più, devi capire cosa di te funziona come una trappola, nella quale però cadi solo e solamente tu.

Ovvero, gli uomini che sono capitati sulla mia strada sono veramente degli emeriti imbecilli senza spina dorsale, ma il problema è perchè sono capitati a me? Perchè non mi sono accorta subito di che pasta erano fatti? E poi, perché non li ho mandati a quel paese prima che facessero danni?

Perchè non ti sei (ancora) sposata?
Perchè non ti sei (ancora) sposata?

È incredibile, più lo leggevo e più sembrava che parlasse di me, ero io, erano le mie storie, wow!!

È diventato una sorta di manuale, attraverso il quale è possibile rivedere la propria vita da spettatrice e, in quanto tale, individuare con maggiore obiettività tutte le proprie mancanze: d’improvviso tutto è molto più chiaro!!

Imparare ad essere responsabili delle proprie sfighe per riprendersi lo scettro della propria vita e darci un taglio con l’era della vittima finita nel girone dell’inferno dei bastardi.

Di tutte le riflessioni, una in particolare mi ha aperto gli occhi, ovvero, che un uomo con U maiuscola, equilibrato, amorevole e perbene, non si metterà mai con una problematica.

E noi lo siamo, a modo nostro, lo siamo tutte, soprattutto se ferite e spaventate. Siamo paranoiche, poco leggere, bramose di risposte, ma allo stesso tempo troppo accondiscendenti con tutti coloro che concedono squallidi flirt tutti sesso e ritagli di tempo, sempre più miseri.

Perchè non ti sei (ancora) sposata?
Perchè non ti sei (ancora) sposata?

Ma eccovi le famose 10 categorie in cui la Mcmillan suddivide le “single loro malgrado”:

Perchè non ti sei (ancora) sposata?
Perchè non ti sei (ancora) sposata?

1. Le stronze, piene di rabbia e di paura. Preferiscono stare da sole ed evitare “altri pericoli”.

2. Le superficiali, sempre alla ricerca della perfezione, non hanno ancora capito che non esiste?!

3. Le sgualdrine. Andare a letto con tutti non servirà a trovare il compagno di una vita.

4. Le pazze. I drammi sono all’ordine del giorno, sono una specie di Courtney Love.

5. Le egoiste. Il matrimonio è dare più che un prendere e/o pretendere.

6. Le confuse. Hanno ancora bisogno di tempo per mettere insieme i pezzi della loro vita.

7. Le senza autostima. Prima di amare qualcuno devi amare te stessa.

8. Le bugiarde. Mentono perfino a loro stesse.

9. Le mascoline. Perché comportarsi come un uomo? È importante mantenere la propria femminilità.

10. Le senza Dio. Non credono più all’amore, diverse tipologie di donne, più pensato di così??!!

La speranza di tutte: in bocca la lupo!!
La speranza di tutte: in bocca la lupo!!

Ci tengo a sottolineare che il libro non è solo per donne single, anzi è molto utile anche per chi è accoppiato: in fondo chi non ha una relazione sbagliata alle spalle?
A voi i commenti del caso!!

P.S. È un bellissimo regalo per un’amica, per personalizzarlo ci sono quattro copertine diverse fra le quali scegliere, con le caricature di quattro diverse tipologie di donne, più pensato di così??!!

di Carlotta Di Falco