Pino Daniele: le canzoni e i ricordi

Come è normale fare, quando viene a mancare una persona si ripensa a tutte le cose che ce la ricordano, quando viene a mancare un cantate che ha segnato la storia dela musica italiana si fa altrettanto, così, dopo la triste notizia della morte di Pino Daniele mi sono messa a ripensare a tutte le cose che mi legano ai suoi testi e alla sua musica.

Il ricordo è legato quasi all’infanzia, quando si viaggiava con tutta la famiglia e la radio della macchina faceva girare le musicassette e tra le tante c’era anche lui. Profumo di salsedine e palme all’orizzonte, ecco cosa mi ricordo di quelle note, mi riportano alla memoria i lunghi percorsi in auto con la famiglia, la prima parolaccia detta cantando sentendomi un po’ a disagio di fronte a mio padre, i primi amori suonati con una chitarra classica all’oratorio con gli amici o nei campeggi estivi. Tutti ricordi preziosi che continueranno a suonare nella memoria.

Sono le parole quelle che ti colpiscono, quelle che ti rimangono in mente e è di quelle parole che vi voglio scrivere, ce ne sarebbero tantissime altre ma lascio a voi la possibilità di aggiungere i vostri ricordi.

Quanno chiove

L’acqua te ‘nfonne e va

Tanto l’aria s’adda cagna’

Ma po’ quanno chiove

L’acqua te ‘nfonne e va

Tanto l’aria s’adda cagna’.

A Me Me Piace ‘O Blues

Napule È

Napule è nu sole amaro

Napule è addore ‘e mare

Napule è ‘na carta sporca

e nisciuno se ne importa e

ognuno aspetta a’ ciorta.

Napule è ‘na cammenata

inte viche miezo all’ato

Napule è tutto ‘nu suonno

e ‘a sape tutti o’ munno ma

nun sanno a verità.

Amici Come Prima

Potrebbe interessarti anche

Pino Daniele: i vip lo ricordano così

Il triste addio ad un cantante che ha fatto la storia

di Alessia Mariani