Selvaggia Lucarelli chiude la bacheca Facebook perché invasa da gattini

 

Per spiegarvi quanto successo devo partire dall’inizio.
La settimana scorsa, come tutti voi sapranno, è rientrata sul nostro pianeta la navicella spaziale con a bordo Samantha Cristoforetti, dopo una missione di 200 giorni nello spazio.

Chiaramente l’attenzione dei media è stata tutta rivolta all’evento. E il commento dell’opinionista, Selvaggia Lucarelli, non è tardato ad arrivare, tanto è vero che sulla sua bacheca Facebook ha scritto:

“Abbiamo capito che la Cristoforetti è tornata a casa e mi spiace per lei che ora si ritrovi appiccicato addosso il nomignolo AstroSamanta come una cartomante barese, ma davvero, basta. Non se ne può più. C’è tanta gente che lavora mesi su una petroliera o in cantieri sperduti nel mondo o a tirar su le case in Nepal e quando torna a casa si festeggia senza tutta ‘sta melassa spaccacoglioni”.

Dopo questo messaggio, oggetto di numerose critiche, la giornalista è stata oggetto di un virtual flash mob organizzato da Progetto Kitten, già fautore di iniziative lodevoli come #GattinisuSalvini e #GattoSulMatto.
Le iniziative del Progetto Kitten consistono nell’inondare le bacheche dei profili pubblici Facebook di immagini di gattini e, così è stato anche per il profilo Facebook della Lucarelli, invaso da foto di gattini con l’hashtag #‎astrogattiselvaggi.

commander-kitty-has-saved-the-world
#‎astrogattiselvaggi.


La giornalista, però, non ha gradito l’iniziativa e ha limitato l’accesso alla propria bacheca ai soli amici e successivamente ha cancellato il messaggio “incriminato”.
Nel corso della sua trasmissione radiofonica, La fine del mondo, in onda su M2o, Selvaggia Lucarelli ha parlato, tra le altre cose, di “bullismo mediatico”.

Progetto Kitten, di conseguenza, ha deciso di controreplicare alla reazione di Selvaggia Lucarelli con il seguente messaggio pubblicato sempre su Facebook:

“Carisssssssima #‎selvaggiaLucarelli ho sentito il tuo programma e quello che dici di noi.
Ti rispondo punto punto e in più, essendo tu su un programma radiofonico (e mi pare anche giornalista) attendo un invito di rettifica negli stessi spazi e modi dove hai parlato di noi:
Tu dici:

1) “Il web che è composto dal 99% da scienziati ha difeso la cristoforetti…”
– NO, il web è composto al 100% da persone che hanno opinioni e tra le tue amicizie o i tuoi fan (e non IL WEB, perchè sei un piccolo nonnulla nel mare del web e il 99,99999% del web non ti si fila) è composto con alta percentuale da persone che hanno opinioni diverse dalle tue (mi pare).

2) “Si sono aggiunti flash mob contro di me. Immagini stupide a casa mia questo si chiama bullismo.”
I gattini non sono immagini stupide ma pucciose!
E comunque è quello stesso pericolosissimo bullismo che ti aveva portata a partecipare a #‎gattinisusalvini con un’immagine del gattino Rom?
Scusaci? Allora andava bene o voleva essere un metodo raffinato di sagace ironia per far capire come certa parte del web sia bulla?

3) “Devo chiudere la bacheca e non posso fare il mio lavoro perchè comunque Facebook e i Social fanno parte del mio lavoro…. Ma non era Je suis charlie? Non condividete il mio punto di vista? Fatemelo dire.”
Si, ma tu ricorda che possiamo rispondere. Chiudere la bacheca in un social è #‎epicfail, chiunque conosca un minimo i social capirebbe che se sei su un social è proprio perchè devi parlare con la gente, condividere idee. Il social non è, purtroppo per te, un luogo dove tutti arrivano mettono mi piace e ti venerano. E’ un luogo di confronto. Se ti piace il confronto, stacci, sennò apri un blog e disabilita i commenti. In questo modo avrai la possibilità di dire tutto quello che vuoi senza che nessuno ti risponda
Sei meno Social di Salvini, rendiamocene conto….

4) “Invidia di che? Della Cristoforetti?… Se mi dite di Belen ok. Ma della Cristoforetti? Ma chi Astrosamantha?”
Se provi invidia per Belen e non per Cristoforetti forse il tuo problema non sono i gattini.”

di Eliana Avolio