Tea Falco, combatte le critiche con ironia

 

Non solo bella, anche ironica.
Tea Falco, l’attrice della serie “1992”, è stata bersaglio di critiche per la sua dizione un po’ biascicante nell’interpretare Beatrice Mainaghi, figlia viziata di un imprenditore milanese arrestato per tangenti.
La 28enne siciliana, oltre a sottolineare attraverso Twitter di non parlare in quel modo nella vita reale, “Io non parlo come in 1992, si sappia. Non ho la voce da sciocca figlia di papà milanese. Sono un muratore piuttosto”, ha pubblicato un video autoironico sulla sua pagina Facebook.

“Non ho detto acciughe, ho detto accendino. Dai, ti arrandi così”? Ironizza l’attrice nel breve filmato.

Ha vinto su tutto!

di Eliana Avolio