The Help, bentornata Walt Disney!

Da questa sera nelle sale troverai un film a dir poco esilarante, The Help.

Il film è tratto dall’omonimo romanzo del 2009 scritto da Kathryn Stockett incentrato sulla figura di alcune domestiche afro-americane che lavorano per famiglie bianche a Jackson, Mississippi, durante gli anni sessanta.

L’aiuto è il primo romanzo della Stockett, inizialmente fu rifiutato da numerosi agenti letterari, ma da quando il romanzo è stato pubblicato nel 2009 in 35 paesi è diventato un grande best seller.

Tendenzialmente non lo faccio mai, ma con un cast del genere tutto al femminile, non posso non elencarti le donne che già hanno fatto grande questo film, di cui sentirai parlare sempre di più. In ordine alfabetico: Jessica Chastain, Viola Davis, Aunjanue Ellis, Bryce Dallas Howard, Allison Janney, Anna O’Reilly, Sissy Spacek, Olivia Spencer, Mary Steenburgen, Emma Stone, Cicely Tyson.

L’interprete Octavia Spencer per esempio, ha conquistato qualche giorno fa il prestigioso Golden Globe come miglior attrice non protagonista dell’anno, ma è solo il più recente dei premi già conquistati dalla commedia drammatica The Help di Tate Taylor (tra i quali spicca il riconoscimento come miglior film assegnato dal Black Film Critics Circle).
All’uscita nelle sale americane è stato un trionfo e a inizio febbraio sarà, molto probabilmente, tra i titoli che concorreranno per l’agognata statuetta degli Oscar.

Che storia racconta il film? Tanto per incominciare siamo nello stato del Mississipi nel 1962. Aibileen Clark è una domestica afro-americana che ha passato la maggior parte della sua vita a crescere i figli dei bianchi e che da poco tempo ha perso il suo unico figlio; Minny Jackson è una domestica afro-americana il cui carattere spinoso l’ha portata a tensioni con i propri datori di lavoro, da cui è stata licenziata più volte, costringendola a farsi in quattro per mantenere la numerosa famiglia; Eugenia “Skeeter” Phelan è una giovane ragazza bianca, da poco tornata a casa dopo la laurea, che rispetto alle sue coetanee è un’anticonformista, focalizzata più sulla sua carriera che a mettere su famiglia.
Le storie di queste tre donne si intrecciano portandole a lavorare segretamente a un progetto che scuoterà la società di Jackson, divisa ancora tra bianchi e neri a causa delle tensioni razziali.
Il progetto in questione è un libro scritto a più mani, “L’anonimo” che raccoglie le testimonianze di decine di cameriere di colore discriminate in uno stato che capovolgerà davvero tutti gli equilibri della gretta e provinciale società di Jackson.

Non c’è una singola scena di The Help che non sia da loro recitata in maniera sopraffina, sia nei duetti che in momenti collettivi.
La regia di Taylor non sottolinea minimamente gli eventi, lascia che siano portati al pubblico dalla forza dei personaggi e dalle clamorose interpretazioni del cast.
In non poche scene è facile passare dalla commozione più sincera alla risata più rumorosa, tutte le emozioni sono amplificate all’estremo, ma mai forzate: quello che ritroverai, senza mezzi termini, è la vita vera.
Da questa sera al cinema potrai godere di tutto ciò, che dire… un inchino a Walt Disney!!

di Carlotta Di Falco