Zach Braff e il crowdfunding per il suo nuovo film Wish I was here

Le buone idee a quanto pare sono contagiose. Deve averlo pensato Zach Braff, volto amato di Scrubs dal 2001, quando ha realizzato la campagna di crowdfunding (=raccolta fondi online) per il suo nuovo film, Wish I was here, ideale sequel del suo primo lavoro da regista e sceneggiatore La mia vita a Garden State (The Garden State – 2004). Nel video promozionale della campagna Zach Braff cita il caso Veronica Mars da cui trae spunto, per l’incredibile supporto dei fan alla realizzazione di un film sulla loro serie tv preferita.
Il crowdfunding di Zach Braff per Wish I was here ha superato abbondantemente in neanche due giorni il traguardo dei due milioni di dollari, continuando a crescere su Kickstarter, una delle piattaforme leader nel mondo per crowdfunding di progetti creativi.

Peter Saarsgar, Natalie Portman e Zach Braff, The Garden State - foto Multiplayer.it
Peter Saarsgar, Natalie Portman e Zach Braff, The Garden State – foto Multiplayer.it

Quello che mi è piaciuto di questa campagna di crowdfunding è stato il coinvolgimento diretto nei meccanismi che stanno dietro la macchina da presa. Sapete come funzionano i finanziamenti cinematografici di Hollywood? Chi finanzia il cinema quanta voce in capitolo vuole avere sul film? Zach Braff ce lo racconta, con la coinvolgente passione di chi crede fermamente in un’idea ed un progetto, chiedendo la libertà di creare il suo film senza vincoli imposti, come ad esempio l’ultima parola sulle scene da tagliare o includere nel film o gli attori con cui scegliere di lavorare.

Natalie Portman e Zach Braff, The Garden State - foto Multiplayer.it
Natalie Portman e Zach Braff, The Garden State – foto Multiplayer.it

Credo che questo sia l’elemento di successo del crowdfunding di Wish I was here, la sincerità con cui Zach Braff chiede ai fan supporto incondizionato, promettendo di non tradire la loro fiducia ed aspettative.
Per non parlare dell’esilarante video realizzato da Zach Braff in compagnia di attori amici come Jim Parsons, Donald Faison e Chris Hardwick, autentica chicca che non potete perdervi.
E voi, diventereste Mecenate per Wish I was here?

di Ilaria Danesi