Ford porta il suo design al Salone del Mobile 2015

Tutto ci si aspetterebbe al Salone del Mobile di Milano, ma una casa produttrice di auto?
Eppure Ford segna la sua presenza al rinomato evento dedicato al design proponendo un’esposizione di oggetti unici, da una chitarra a una barca a vela, realizzati seguendo gli stessi principi che hanno dato vita alla nuova supercar dell’Ovale Blu, la Ford GT 2015. Il design la fa da padrone anche nell’istallazione luminosa “FAVILLA, ad ogni Luce una Voce”, a cura dell’architetto Attilio Stocchi e aperta al pubblico in piazza San Fedele, a Milano, dal 14 al 19 aprile.

Il lavoro dietro a un’auto come la Ford GT è immenso, perché non basta lavorare solo su un design accattivante e aggressivo, ma è necessario prestare una grande attenzione anche agli interni, punto focale su cui tutta la presentazione si è svolta: “le persone vogliono macchine aggressive fuori, ma intime all’interno, e se l’aspetto esteriore è il primo motivo per cui una persona sceglie un’auto, gli interni poco curati sono uno dei primi tre motivi per questa viene bocciata”, racconta Morray Callum, Vice Presidente Design di Ford Motor Company.

fordsidm2015_gt_001
Ford GT 2015
All-New Ford GT
Interni della Ford GT

È necessario quindi agire seguendo una linea guida, linea che per altro ha ispirato tutti gli oggetti presenti alla mostra. Lo sviluppo degli interni della Ford GT è stato segnato 3 principi:

Innovazione: spingersi sempre oltre i limiti per cambiare il modo in cui l’automobilista interagisce con l’auto
Connessione: stabilire un collegamento diretto e continuo con l’automobilista grazie a tecnologie compatte e intuitive
Immediatezza: rendere ogni funzione accessibile in tempo reale evidenziandone l’integrazione a bordo dell’auto

fordsidm2015_show_74_1
Alcuni degli oggetti esclusi presenti al Salone del Mobile
fordsidm2015_show_72
Alcuni degli oggetti esclusi presenti al Salone del Mobile

Come si può quindi creare un prodotto che accontenti qualsiasi acquirente nel mondo, nonostante ognuno di noi abbia un modo diverso di vivere i propri spazi? “Non si può” risponde con un sorriso Amko Leenarts, Global Interiors Design Director, “ma a prescindere dalla nostra cultura e dal diverso lifestyle siamo tutti esseri umani, che provano emozioni e reagiscono agli stimoli tutti allo stesso modo. È proprio sullo studio di questi fattori che abbiamo realizzato gli interni della nuova Ford GT”.

Non importa nemmeno il genere dell’acquirente, uomo o donna che sia, ci confida Joel Piaskowski, Design Director Ford of Europe, e gli imput che i designer utilizzano per creare le auto Ford arrivano direttamente dal pubblico e non vengono mai, come si potrebbe erroneamente pensare, imposti dalla casa automobilistica.

fordsidm2015_show_88
Alcuni degli oggetti esclusi presenti al Salone del Mobile

Di particolare interesse anche la seconda parte del pannel, dedicata non solo agli spazi fisici, ma soprattutto agli spazi digitali e alla privacy sul web, a cui hanno partecipato, oltre all’executive di Ford, anche Salvatore Ippolito, Country manager di Twitter Italia, e Gus Desbarats, fondatore della casa di design TheAlloy e Chairman della British Industrial Design Association.

di Giordana Moroni