I promemoria di Evernote: ecco come ti salvano

Dal sito di Evernote
Dal sito di Evernote

Vi ho già parlato di applicazioni o soluzioni per tenere organizzate le vostre to do list, ma con la tecnologia non si smette mai di trovare la soluzione più adatta a noi.

Soprattutto in quei casi spesso ci scriviamo liste interminabili di cose da fare, poi succede che ci dimentichiamo di guardarle o alla peggio che il punto 5 doveva essere fatto ieri e non oggi.

La soluzione? Semplice, i promemoria di Evernote, che sia su mobile, online o desktop ci insegue e ci ricorda cosa dobbiamo fare, subito e non domani.

Dal sito di Evernote
Dal sito di Evernote

Mentre usiamo Evernote per annotare tutte le attività che dobbiamo svolgere separatamente, oppure creiamo to do list giornaliere in una singola nota, possiamo associare a questa nota un promemoria che ci ricorderà cosa dobbiamo fare.

Le tre caratteristiche di questa funzionalità sono:
– la notifica via mail o sull’applicazione,
– il task basato sulla nota,
– l’ordinamento delle note portandole in cima.

Dal sito di Evernote
Dal sito di Evernote

Il funzionamento dei promemoria è molto semplice, basta aprire una nota e cliccare sull’icona della sveglia in alto a destra, basterà inserire la data e l’ora e riceveremo o una mail o una notifica sulla applicazione. Ricordati che nell’elenco dei promemoria puoi cambiare l’ordine degli stessi, così da avere sempre la situazione sotto controllo.

Un aspetto interessante dei promemoria è la possibilità di associarli ai taccuini e visualizzarli nella parte superiore di questi, quasi come se fosse un sommario delle priorità. Se un taccuino è condiviso con altre persone, può essere usato per gestire i progetti e permettere a tutti di ricevere la notifica della scadenza di una nota. Nei team di lavoro può essere utile per essere aggiornati sugli sviluppi di un progetto.
Uno strumento davvero potente per gestire un progetto con più persone riducendo quella comunicazione fastidiosa con mille mail che genera secondo me un rumore di fondo e fonte di distrazione.

Sicuramente si possono immaginare altri scenari possibili, voi come gli usereste i promemoria?

di Sharon Sala