iStockphoto: vendi le tue foto, un'infografica ti dice cosa funziona di più

Che tu sia un fotografo professionista o semplicemente un amatore, ti sarà capitato di valutare l’idea di vendere le tue foto online, attraverso uno dei servizi di stock photo.

Io ammetto d’averci pensato più e più volte, ma poi quello che mi fermava era… quali foto caricare? Questi servizi hanno un archivio d’immagini consistente, come non finire tra le tantissime foto e non essere notati? Su cosa puntare, qualità o quantità?

Domande più che lecite, in fondo l’obiettivo non è ricevere critiche costruttive o complimenti, ma vendere più copie delle proprie foto.

A questa domanda ci viene in aiuto questa infografica di iStockphoto che illustra i trend 2012 sulle categorie di immagini più acquistate.

Una delle prime cose interessanti che si evidenziano dai dati è la crescita degli utenti che acquistano foto su iStockphoto, dal 79% del 2000 al 98% del 2012.
La mia riflessione personale è che il mercato anche nel 2013 sarà in crescita, pertanto potrebbe valer la pena investire del tempo e delle risorse, per creare un piccolo business per arrotondare.

A questo punto bisogna puntare a realizzare foto che soddisfino le categorie più richieste: sempre dall’infografica si evince che Persone, Business, Concetti, sono le più richieste, in coda Lifestyle e Medicina.
E su questo punto mi soffermerei, facendo una piccola riflessione. Bisogna investire creando foto sulle categorie più richieste con il rischio di finire nel calderone delle migliaia di foto o puntare su quelle meno richieste, ma potenzialmente con un numero inferiore di foto e con più possibilità di essere notati e acquistati?
Voi cosa ne pensate?

Infine un ultima analisi su qualità delle foto e quantità, cosa apprezza un potenziale cliente su iStockphoto?
Sembra proprio che la qualità della collezione del fornitore d’immagini sia presa in considerazione per il 78%. La facilità di ricerca ha un valore del 70%.
Pertanto bisogna puntare sulla qualità delle foto, creando anche una collezione coerente, e un buon lavoro di inserimento sul sito, scegliendo tag e categorie più adatte alla foto per farsi trovare facilmente.

Se hai già provato un servizio di stock di immagini o ci stai pensando, raccontami la tua esperienza 🙂

di Sharon Sala