Il disagio universitario e Facebook: quattro pagine tutte da ridere

Le feste sono finite Fanciulle, si torna a lavorare… o per alcune di noi sui banchi universitari. Ciò che in questo periodo dell’anno unisce tutti gli studenti universitari italiani è la prima sessione d’esame dell’anno.

Perché non approfittare per dare un’occhiata a cosa si dice riguardo tra le pagine di Facebook?

Esami – la serie

Inizio mostrandovi la pagina migliore in assoluto a tema universitario ovvero quella della web series Esami – la serie.
“ESAMI è una serie che racconta il pirotecnico mondo dell’università italiana. Per chi la frequenta, chi l’ha evitata, chi non ne è mai uscito.” è la didascalia che trovate nel box info della pagina.
Scritto e interpretato dall’attore Edoardo Ferrario, il progetto ha vantato numerosi collaborazioni (tra cui quella con Caterina Guzzanti) e il premio per Miglior web serie italiana al Roma Web Fest 2014.
Consiglio ad ognuna di voi di cercare il video della propria facoltà, ne vale veramente la pena!

Qui sotto l’episodio dedicato a medicina.

Maledire il giorno in cui ti sei iscritto in università

Seguita dalla sottoscritta da svariato tempo, nella pagina Maledire il giorno in cui ti sei iscritto in università ho sempre trovato molti post divertenti a tema esami pubblicati da altri studenti come me.
Il solo fatto di vedere tanti mi piace ad alcune immagini mi ha sempre rincuorato: nella sfiga universitaria non si è mai soli, ci sarà sempre uno studente piazzato male come te!

Mai fare questa domanda allo studente universitario sotto esame! (Maledire il giorno in cui ti sei iscritto all'università)
Mai fare questa domanda allo studente universitario sotto esame! (Maledire il giorno in cui ti sei iscritto all'università)

Lo studente assonnato

Laureata con 110 e lode (Lo studente assonnato)
Laureata con 110 e lode (Lo studente assonnato)

Docsity

È sempre così (Docsity.com)
È sempre così (Docsity.com)

Ricordate di lasciare un commento nel fondo di questo articolo.
Per vedere tutti i miei video su BigoTubo cliccate qui

di Giordana Moroni