Parliamo di iPhone, il giorno dopo

Ed eccoci al day after. Ieri sera, ore 19 (come ti dicevo qui) si è svolta a Cupertino, California, l’attesissima conferenza Apple, la prima dell’era post-Jobs. Inutile dirti che dalle 18.30 mi sono incollata al mio amato Mac, cercando quanti più siti per poter seguire l’evento… e nonostante i live blogging fossero presi d’assalto e i live streaming praticamente fuori uso, ci sono riuscita!
Ma andiamo subito al sodo. Se sei appassionata del genere, non ti è di certo sfuggito l’arrivo del nuovo iPhone. E di questo ti voglio parlare.

Tim Cook, nuovo CEO di Apple
Tim Cook, nuovo CEO di Apple

Gulp!

Ero convinta praticamente al 100% dell’arrivo del famigerato iPhone 5. E con mio sommo sgomento… mi sbagliavo! Le prime avvisaglie si sono manifestate tre minuti prima della partenza, quando sul sito dell’Apple Store di Ginza, a Tokyo, è apparsa la notizia – prontamente rimossa come se niente fosse – dell’arrivo del 4S! Ma non volevo darmi per vinta!

Apple Store Ginza - fuga di notizie dell'ultimo minuto
Apple Store Ginza – fuga di notizie dell'ultimo minuto

Devo confessare che quando l’iPhone 4S è stato ufficializzato sono rimasta un po’ delusa. L’impatto è stato un po’ così, soprattutto per il fatto che nei giorni precedenti un papabile 4S era stato spacciato come versione “cheap” del vecchio 4. Però non sempre la prima impressione è quella definitiva. Tanto che a mano a mano che le caratteristiche venivano svelate la mia delusione si è trasformata in interesse. Molto interesse.

Dentro è tutto un altro mondo!

Quello che da fuori può sembrare il vecchio iPhone 4, dentro è completamente diverso! Il nuovo processore dual-core renderebbe il nuovo arrivato di casa Apple davvero potente, fino al doppio delle prestazioni e una grafica fino a 7 volte più veloce, senza gravare sulla durata della batteria (che parrebbe essere davvero performante). Giochi più realistici e web in un batter d’occhio? Mi piace…

Una cosa che però mi ha davvero impressionato è stata la funzione Siri Assistant, un vero e proprio assistente virtuale al quale poter chiedere – per davvero, con la propria voce – informazioni di ogni genere, come il meteo o la ricerca di negozi nelle vicinanze, tanto per farti degli esempi. E l’assistente risponde! Non so in realtà quanto poi sia utile questo strumento… probabilmente è una di quelle cose che si usano tanto all’inizio sull’onda dell’entusiasmo, ma magari mi sto sbagliando. È certo invece che Siri abbia stupito tutto il pubblico della conferenza, me compresa!
Le novità non sono finite. Una fotocamera da 8 Megapixel e un nuovo obiettivo con una maggiore apertura del diaframma sembrano essere perfetti per foto più nitide e dettagliate, mentre la possibilità di girare video in HD a 1080p è una vera e propria delizia!
Come preannunciato, iPhone 4S lavorerà con il sistema operativo iOS 5 e supporterà il già noto iCloud (te ne parlavo qui): largo spazio dunque alla connettività tra diversi dispositivi Apple.
Infine, anche l’aspetto social non poteva che essere ampliato, con grande risalto all’applicazione di Twitter, spinta in particolar modo anche durante la conferenza. Evviva!

Tirando le somme

Insomma, le novità del nuovo melafonino sono davvero tante – e non si limitano a quelle di cui ho voluto parlarti.
In un primo momento la delusione per la mancanza di un modello totalmente nuovo è stata davvero forte, ma questo iPhone 4S è riuscito pian pianino a convincermi, nonostante l’iniziale diffidenza. E se è vero che “l’abito non fa il monaco”, allora staremo a vedere sul campo se e come questo iPhone dall’estetica già conosciuta saprà distinguersi dal suo diretto predecessore. E, in fondo, credo che lo farà…

di Serena Mariani