6 comportamenti insopportabili in aereo (e relative punizioni divine)

Chi ha viaggiato molto e ha conosciuto realtà molto distanti e diverse, sa che c’è una cosa che supera tutti i confini, che accomuna tutti i popoli, che è universale e transculturale: la maleducazione. La maleducazione la riconosci sempre, non la puoi equivocare, si manifesta in forma palese e azzera qualsiasi differenza di razza, credo, estrazione. Un luogo privilegiato per osservare il fenomeno della cafonaggine globalizzata sono gli aerei e gli aeroporti, punto di incontro per eccellenza di culture diverse.

Ecco quindi 6 comportamenti universalmente maleducati che le persone mettono in atto in aereo e in aeroporto, e 6 punizioni divine (qualsiasi sia il loro credo) che merita chi perpetra questi comportamenti detestabili.

1. Saltare la fila al gate

La punizione divina che merita: la hostess acida che lo manda in fondo alla fila e lo fa salire per ultimo.

2. Occupare tutto lo spazio nella cappelliera

Davanti a voi a bordo è appena salita Crudelia Demon che si è sfilata la pelliccia e l’ha frullata nella cappelliera insieme al suo cappello a falde larghe, alla sua costosissima Birkin e a 117 shopping bag del duty free. Il vostro piccolo trolley? Dovrete metterlo sotto al sedile. E le vostre ginocchia? In bocca, naturalmente.

La punizione divina che merita:
che riaprendo la cappelliera all’arrivo le cadano addosso tutte e 117 le shopping bag sotterrandola lì tra i sedili.

3. Movimento compulsivo delle gambe

Ok, in aereo siamo tutti un po’ nervosi, ma il vostro vicino che agita le gambe con quel movimento ritmico vi manda al manicomio.

La punizione divina che merita: quella coca cola sul suo tavolinetto quanto vuoi che resti in piedi con tutto quel movimento delle gambe?

4. Starnutire/tossire senza mettere la mano davanti al naso/alla bocca

La punizione divina che merita: che la porta del bagno si blocchi mentre lui è lì dentro, così che mentre gli stewart cercano di liberarlo voi possiate allungare le gambe sul suo sedile per un po’, ma non prima di aver disinfettato tutto con Amuchina.

5. Allargare i gomiti sui braccioli

Chissenefrega se i braccioli sono in condivisione con i passeggeri seduti accanto? Lui, che è seduto al centro, allarga i gomiti a destra e sinistra, senza ricordare la celeberrima battuta di Johnny in Dirty Dancing: “Questo è il tuo spazio, questo è il mio spazio” (Oh, Johnny!)

La punizione divina: trovarsi Platinette seduta a destra e Bud Spencer a sinistra.

6. Reclinare il sedile senza preavviso

È un grande classico: vi state godendo il vostro film e all’improvviso Ryan Gosling vi arriva così vicino che potreste baciarlo… ma anche così vicino che non vedete più niente. È quel burlone davanti a voi che ha reclinato il suo sedile fino al massimo possibile senza neanche voltarsi indietro e chiedere: “Posso?”

La punizione divina: che il burlone davanti a lui faccia lo stesso mentre lui sta mangiando il suo pollo al curry. Ops, adesso anche la sua faccia è al curry!

di Marzia Keller