Come organizzare un viaggio low cost

Articolo scritto da Agnese del blog Viaggi zaino in spalla.

Se siete riusciti a ricavare il vostro gruzzolo da vacanza seguendo questi consigli, non vi resta quindi che passare all’azione e fare in modo che una vacanza non vi costi uno sproposito.

C’è chi parte dal budget che ha a disposizione e chi punta a spendere il meno possibile in ogni caso. Che apparteniate ad una categoria o all’altra, potete seguire questi accorgimenti per organizzare il vostro prossimo viaggio low cost.

1. Per prima cosa, iscrivetevi alle travel newsletter che vi faranno arrivare news in continuazione, e anche offerte di viaggio, ce ne sono di agenzie di viaggio, di gruppi di viaggiatori, di blog, di riviste tutto può essere una buona fonte di informazione. Spesso, oggi, quelli che si definiscono viaggiatori snobbano e criticano le agenzie di viaggio ed i loro pacchetti turistici. Anche se io adoro le vacanze zaino in spalla il punto è che nulla è da snobbare, tutto è invece da analizzare. Tenere sott’occhio le offerte delle agenzie, come anche le offerte delle compagnie aeree e via dicendo, è un buon modo per riuscire ad accalappiarsi qualche buona offerta. Spesso si può sfruttare un pacchetto turistico per raggiungere una destinazione, ma non è detto che una volta lì si debba stare nel villaggio 24 ore su 24, senza considerare che se si hanno solo pochi giorni, il pacchetto turistico può essere un’idea per rilassarsi, vedere un posto nuovo e capire anche se quel paese merita un viaggio più approfondito in futuro.
Insomma: se puntate ad un viaggio itinerante costruirvelo da soli, se invece vi volete stabilire in un punto e visitare solo una zona circoscritta il pacchetto turistico potrebbe essere un’alternativa economica.

2. Se potete, partite in bassa stagione. Anche se sembra brutto e deprimente lavorare quando tutti sono stesi in spiaggia il budget si potrebbe dimezzare fuori dal periodo caldo delle vacanze, quindi questo vi potrebbe dare l’opportunità di organizzare un viaggio più lungo e articolato.

3. Se puntate sul viaggio fai da te, una delle maggiori spese è il volo. Controllate, oltre le offerte, gli aeroporti secondari, gli eventuali scali in aeroporti intermedi, controllate i costi di voli infrasettimanali. Tutto può far diminuire il budget di spesa.

4. Documentatevi sulla destinazione e considerate che in molti paesi non vi conviene proprio prenotare gli hotel dall’Italia. Ho prenotato dall’Italia un hotel in Malesia per la prima notte da trascorrere in quel paese e ho speso €45 per una doppia… vi sembra poco? Sappiate che sul posto ho preso una stanza bordo spiaggia per 7€ a coppia… e se volevo il condizionatore avrei potuto pagare 15€! Chiara la differenza?

5. Per le offerte i periodi migliori sono 2/3 mesi prima per le prenotazioni anticipate, oppure 2/3 giorni prima per i last minute. Qui si tratta di studi e calcoli matematici, sembra proprio che prenotare 6 mesi prima non convenga poi molto nella maggior parte dei casi.

Probabilmente si tratta di una mini guida piuttosto sintetica, ma questa vuole essere solo un’idea di quello che potete fare se in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo pensate di dover rinunciare alla vostra passione di viaggiare.

A voi trovare il modo più adatto, ma la base rimane questa: eliminare i costi non indispensabili e alzare le antenne per organizzare un viaggio al prezzo più appropriato.

di Redazione