Digital Diary in Basilicata: viaggio a volo d'angelo

“Ciao Denis,sono Mikaela Bandini – quella di Digital Diary… Mi puoi chiamare quando hai un minuto? Ti volevo invitare ad un diario digitale in Basilicata dal 16 al 22 settembre, con Lonely Planet e Radio Capital… grazie mille”

Queste sono le parole che riempiono la prima pagina del “mio” Digital Diary, l’ennesima grande avventura targata Cantforget.it(aly).

Basilicata
Basilicata

Gli ingredienti principali di questa nuova social-ricetta di successo sono:

    – una buona dose di allegria e vitalità targata Doris Zaccone, voce meravigliosa e guida di Capital in the World, appuntamento senza confini delle ore 12.00 di Radio Capital

    – uno spicchio di esperienza e fascino – Lonely Planet – capitanata da Angelo Pittro

    – una spolverata di Mikaela Bandini, mente e anima del fenomeno web Cantforget.it, che come il prezzemolo sta bene in ogni ricetta digitale 😉

Gli ingredienti segreti per la buona riuscita di questa ricetta per palati sopraffini sono Gianni Faluomo e Patrizio Mattei per il dietro le quinte di Capital in the World, Tania Beccaceci (Web marketing manager @EDT&Lonely Planet Italia), Cecilia Pedroni e Ilaria Navarra. Il tutto affinato da tanta tanta passione per il viaggio.

Preparazione

Passione per il viaggio, per la natura, per la scoperta e per il proprio lavoro. Questo è quello che si evince ascoltando una puntata di Capital in the World. Se poi la puntata viene messa in onda da dentro una grotta beh… Tutto è ancora più magico.

Radio Capital In The World on air
Radio Capital In The World on air

Già, perché per tutta la settimana le puntate di Capital in The World verranno trasmesse Live from #Basilicata.
Doris e Angelo da anni raccontano viaggi e luoghi, storie ed emozioni di italiani lontani e felici, che hanno fatto della loro vita il loro sogno, da ogni angolo del mondo, dall’Australia al Messico, dalla Scozia alla Malesia passando per la Basilicata… Per la prima volta in Italia, grazie a questo esperimento social(e).
Questo viaggio ha la missione di valorizzare un luogo troppo spesso messo in disparte, dimenticato, o forse solo nascosto… La Basilicata Esiste sarà il nostro. in effetti la Basilicata esiste già da un po’, almeno a livello social grazie al genio di Mikaela Bandini e alle meravigliose immagini video di Matty Brown e suoi discepoli.

Matera
Matera

Ma ora basta leggere…. È il momento di partire e viaggiare 😉
Dopo la diretta radio from Sassi di Matera, si parte perché oggi in programma c’è: ADRENALINA allo stato puro!!!
Il volo dell’angelo signore e signori, a 600 metri d’altezza… avere più di 16 anni e pesare meno di 120 Kg sono gli unici lasciapassare, anche se una buona dose di coraggio è ampiamente consigliata!!!! Un salto nel vuoto che in teoria dura pochi secondi, ma sembra non finire mai. Tra due meravigliosi borghi nel cuore delle Dolomiti Lucane – Pietrapertosa e Castelmezzano – è sospeso un cavo d’acciaio che permette, almeno per pochi minuti, di concretizzare il sogno di un volo da una montagna ad un’altra. Nel gruppo c’è chi è eccitato al solo pensiero di spiccare il volo, chi ha il problema di dove mettere lo zaino durante la corsa mozzafiato e chi invece, con un colorino verde andante sul pallido, spera in qualche modo di non dover buttarsi per forza… Il destino e la sfortuna però si sono messi tra gli avventurieri e il cielo perché la forza del vento oggi è decisamente fuori dal comune e come di rado capita il volo oggi è SOSPESO 🙁
Per fortuna le dolci colorazioni del tramonto su Castelmezzano rendono meno amara la delusione per l’aver solo sognato quel tuffo nel vuoto.

Castelmazzano
Castelmazzano

Anche la cena in piazza salta per il maltempo, ma nulla può fermare la banda del paese che allieta la serata con canzoni e suoni che coinvolgono non solo il piccolo borgo, ma tutta la vallata contribuendo non poco al accensione/riscaldamento della temperatura corporea e non…
Pernottamento a Palazzo Gattini, esperienza più che da commentare, da vivere.

Il giorno successivo la prima destinazione è Bernalda con brunch nello splendido Palazzo Margherita, vero e proprio pezzo di storia cinematografica vivente non solo a parole, visto che il proprietario è nientemeno che il Signor Ford Coppola, Francis per gli amici.
Nel pomeriggio ci si traferisce in un luogo che sembra essere sospeso nel tempo, “un
Borgo fantasma che una volta era la città di Craco.” (F. Alagia)

Craco
Craco

Il significato del suo nome è “paese combattivo e mai vinto” e a giudicare dalla sua ubicazione si capisce anche il perché.
Peccato che ora questo paesino appartenga al passato, perché il presente ci dice che a causa di un errore umano nel tentativo di costruire un acquedotto negli anni 40… beh…. Una serie di frane hanno impedito il normale susseguirsi della storia di questo paese e soprattutto degli abitanti di Craco che sono costretti da anni a vivere nel vicino paesino di Pescheria. Sicuramente più abitata di Craco, ma indiscutibilmente più vuota, senza un’anima.

Un po’ malinconicamente dietro le spalle Craco e davanti a noi un paesaggio lunare ci accompagna fino a Valsinni dove ad attenderci ci sono dei menestrelli. L’atmosfera è affascinante e le luci gialle dei lampioni fanno vivere come dentro un presepe, come ogni piccolo borgo lucano. Questo paesino però è speciale, non solo perché Doris ha radicate origini e ricordi, ma anche perché la forza della musica trascina Cecilia in un canto soave che per un attimo riesce a catturare l’attenzione e il sorriso di tutti. Forse anche più di un sorriso. Ah, la forza della musica… La musica è vita, è felicità. Anche il viaggio lo è. O forse, forse la frase iniziale di ogni puntata di Capital in the World è la spiegazione perfetta di questo concetto “Dio ha messo la felicità dappertutto e ovunque, in tutto ciò di cui possiamo fare esperienza. Abbiamo solo bisogno di cambiare il modo di guardare le cose.” (Christopher McCandless – Into the wild)

Il pernottamento a Tursi con cena contornata da Flash Mob vestiti di bianco ci permette anche di ascoltare la declamazione di poesie antiche in dialetto turso. Commoventi.

Al mattino proviamo il brivido dell’avventura, ossia viaggiare in macchina in Basilicata…
Già, perché cercare di arrivare in tempo a Maratea per la diretta (h12), nonostante la nostra sveglia supermattutina (h7), beh è un avventura. Un viaggio tra montagne, nuvole, nuvoloni, pioggia, strade, strade sbagliate, strade bagnate, strade strette… La preparazione della puntata avviene nel furgone. Doris e Angelo selezionano pezzi, citazioni e discorsi e pochi minuti prima delle 12 eccoci arrivati nella Locanda delle Monache.

In pochi attimi si è pronti per la diretta che è un piacere da sentire, ma anche e soprattutto da vedere. Parlano Doris e Angelo ma Tania, Gianni e Patrizio fanno un sacco di lavoro oscuro che però contribuisce alla grande alla bellezza di questo programma.
Nel pomeriggio e per il giorno successivo visitiamo la brillante Maratea e i suoi dintorni.
Il mitico “RIO De Maratea…” – Ossia il Cristo Redentore – che tanto possente ed imponente da lassù guarda il mare, verde e splendido qual è.

Cristo Redentore di Maratea
Cristo Redentore di Maratea

Paesaggi mozzafiato e strade più simili alla fantasia che alla realtà (foto) ci accompagnano in questa parte di basilicata, la East Side del nostro Coast to Coast.
Visitiamo la Spiaggia degli Olandesi e una famosa spiaggia “nera”
Conosciamo Jose e suo papà, Zio Pino che attraverso le sue passioni per il mare ci regala un pomeriggio di semirelax, dove l’unica delle preoccupazioni è il non far cadere l’attrezzatura in acqua! Sapore di mare, sapore di vacanza, sapore di Basilicata. Zio Pino fa il pescatore da una vita e accompagna i turisti a pescare, i suoi occhi, la sua faccia scavata dal tempo sono testimoni della passione per il mare che quest’uomo ancora e sempre porterà con sé.

Zio Pino
Zio Pino

La luce dopo la nostra gita in barca è perfetta, i colori che si compongono sembrano più disegnati che immaginati. Perfetto Time-laps #bandinistyle

Time lapse al tramonto
Time lapse al tramonto

L’ultima cena vista mare al Porto di Maratea (Ristorante Lanterna Rossa) e il giorno dopo ultima puntata… In cui però ognuno di noi può lasciare il proprio segno, attraverso un messaggio registrato. Le nostre voci, le nostre emozioni LIVE.

Porto di Maratea
Porto di Maratea

Alla fine è il tempo dei saluti, degli abbracci e delle lacrime. Un gruppo speciale che ha imparato a conoscersi ed apprezzarsi, un gruppo eterogeneo ma unito da una passione comune, il viaggio; e la sua condivisione in tutte le sue sfumature… Scritto, parlato, raccontato, fotografato, disegnato, filmato… o semplicemente ricordato che sia.

Denis Strickner
Denis Strickner

#StrickyPlanet

di Marzia Keller