San Valentino, per carità!

Consigli pratici per sopravvivere a San Valentino senza San Valentino. Importa relativamente a mio avviso che esista una specie di compagno o meno. Se esiste probabilmente è più semplice non cadere in pensieri malinconici, questo è scontato. Di base evito di segnare questa data sull’agenda, niente cuoricini o cose strane sulla mia Moleskine. Partendo dal presupposto per cui dimentico facilmente qualsiasi cosa, conto sul fatto che manco mi renderò conto di che giorno sarà. Ed è qui che entra in gioco il ruolo dell’amica che senti sporadicamente e che ti chiama puntualmente in giorni prossimi a questa data. Opzione 1: scoppio a ridere e sostengo la teoria per cui non dovrebbe servire una data a comando per sentirmi dire cose carine o ricevere dei pensieri. Opzione 2: mi prende il magone e sostengo la teoria per cui gli uomini non siano una delle mie priorità in questo momento della vita. Opzione 3: cado dalle nuvole perchè non ricordavo di essere già nel mese di febbraio e mi scordo sistematicamente della telefonata. E quando arriva il 14?

Norvegia
Norvegia

Per diversi anni il mio cervello un po’ ristretto in lavatrice si era convinto che San Valentino fosse il 21 febbraio. Non posso negare di continuare ad avere dei dubbi al riguardo. Pare che il mio inconscio non ne voglia proprio sapere, a questo punto continuo ad assecondarlo! Se proprio mi aspettassi qualcosa di carino dalla persona che ho ipoteticamente accanto la vorrei in un giorno del tutto a sorpresa. Tipo il suo giorno libero, con una scusa, mi fa preparare uno zaino con cose a caso e mi fa caricare la tavola da snow in auto (potrei anche fare a meno della montagna). Per poi scoprire che mi sta portando a sorpresa in un posto carinissimo, senza troppe pretese. Programma tipo: mattinata sulla neve, birretta al sole su qualche terrazza, centro benessere e cenetta carina. Non ci vuole molto per farmi contenta, secondo me basta avere un programma, che sia San Valentino o San Egidio. Vedrai che non puoi sbagliare! Se hai dei dubbi sui gusti dell’altra persona, perché non la conosci ancora bene, usa la tattica della migliore amica – lei saprà darti qualche dritta. E poi chi ha imposto che sia sempre e comunque lui a dover trovare gli effetti speciali? Nel corso degli anni ho un po’ assunto la tecnica: se-ho-voglia-di-una-giornata-tipo-me-la-organizzo. E così gli insegno pure quali sono le mie preferenze.

Paesaggi scattati in Val Pusteria
Paesaggi scattati in Val Pusteria

Non voglio assolutamente criticare le coppie che amano questa ricorrenza. Grazie al cielo esiste il libero arbitrio ed ognuno gestisce a modo proprio il livello di smielataggine nella vita sentimentale. Verso Natale avevo scritto qualche consiglio su località molto carine da visitare, potrebbe essere l’occasione ideale per rileggerlo se sei alla ricerca di un posto carino!

Magari entrando più nello specifico su un luogo in particolare: il Caravan Park Sexten . In Trentino-Alto Adige (e non solo qui) ci sono diversi posti veramente incantevoli, io sono affezionata a questo! Se vuoi organizzare una cenetta con i fiocchi puoi prenotare il tavolo nella cantina della taverna, posso assicurarti che l’effetto sorpresa è garantito! Chiaramente non può mancare la parte wellness, ed anche sotto questo aspetto puoi andare a colpo sicuro. Per quanto riguarda gli alloggi ci sono diverse opzioni: se ti piace il campeggio puoi parcheggiare il camper ed usare i servizi ed i bagni privati. Se invece vuoi stare comoda e magari hai una famiglia numerosa puoi prenotare un bellissimo chalet tutto per voi! Come ciliegina sulla torta per una notte veramente romantica consiglio di prenotare la Casa sull’Albero, una struttura veramente alternativa! Se sei alla ricerca di una meta urbana dai un’occhiata al post di Elenia a proposito di Berlino.

Foto di Eleonora Raggi

Alto Adige
Alto Adige

di Eleonora Raggi