A Perugia ennesimo triste episodio

Non si ferma la mano del nemico, a Perugia l'ultimo caso

Home > Animali > A Perugia ennesimo triste episodio

Oggi tocca a Perugia. Non finisce l’onda di malvagità che si è imbattuta sull’Italia.  Sembra che in questo paese la gente sia impazzita, altri sostengono che invece adesso se ne parli solo perché ci sono i social che diffondono velocemente. Sono stati due giorni d’inferno,  Galatina e Salerno hanno sconvolto

tutti con il ritrovamento di Ciccio in acqua legato dentro ad un sacco, fortunatamente salvato, e la mammina incinta colpita da un cacciatore. Ieri a Perugia, un uomo di sessantadue anni, già individuato dalle forze dell’ordine. ha sparato dalla finestra a Chicco, un meticcio di piccola taglia che camminava vicino ai proprietari. Il cane ha fatto pochi metri, guaendo disperatamente, trascinandosi in cerca di aiuto trovando invece solo la morte. Il cane non ce l’ha fatta, è volato via per colpa di un …..  che ieri pomeriggio non aveva nulla da fare e per passare del tempo ha caricato la carabina e l’ha colpito. Il gesto è gravissimo sotto ogni punto di vista. Il solo fatto di pensare di poter togliere la vita a Chicco, come fosse la stessa cosa di colpire una lattina vuota è sconvolgente. E’ sconvolgente ancor di più sapere che in Italia ogni giorno vengono ridotti in fin di vita cani e gatti per puro divertimento. E’ una cosa che deve far riflettere chi di dovere, qua parliamo di malvagità e pericolosità, non ci stancheremo mai di dire che in America queste persone avrebbero avuto un processo e una condanna pari ad un omicidio. Gli studi condotti su criminali adulti ha portato alla luce una grande attinenza con casi di maltrattamento di animali in giovane età. Fatevi due conti su chi abbiamo per vicino di casa! Chicco ci dispiace tanto, se gli umani avessero il vostro cuore questo sarebbe un mondo perfetto!

che piacere può provare un uomo a sparare ad un cagnolino?

Povero Chicco

 

Questo è Ciccio, il cane salvato a Galatina

Lei invece è la piccola mammina ancora ricoverata