Guardando la strage di Genova, tutte quelle macerie, mi sono ricordato di quando, appena agli inizi del volontariato, mi presentarono il mio capo. Ancora mi emoziono se penso alla sua zampa!

C’è una cosa che ci sfugge, un dettaglio che forse a nessuno, o forse pochi è venuto in mente. Le macerie sono infinite in queste catastrofi naturali o meno. Ci sono cumuli di cemento e terra, gli uomini sono tanti, esperti del settore e tanti volontari che mettono a disposizione anche solo la forza delle mani. Ma una domanda

 

ci viene in mente “Chi decide tra carabinieri, polizia, vigili del fuoco, protezione civile e tutti gli atri corpi competenti in materia, chi decide il punto dove scavare? Chi si assume questa grande responsabilità?” La risposta arriva come un raggio di sole, lascia un po stupiti, ma forse, lo avevamo sempre saputo, è un cane a dare il via! A loro questo compito così difficile, un compito che metterebbe in crisi qualsiasi uomo, come poter scegliere un punto a caso se i mezzi a disposizione non sono efficaci, magari si perde tempo a discapito di una vita. Invece i cani non hanno questo problema, il loro è un istinto naturale, per loro la ricerca è un vero divertimento, le regole e amore con cui vengono cresciuti dai loro conduttori fanno di un cane da ricerca una vera macchina da guerra. Il suo partire a testa bassa, il suo cercare un odore, un respiro sono momenti di grande emozione, l’attesa termina quando si ferma e abbaia. E’ lui che da il via al lavoro, gli altri colleghi “quelli con due gambe”lo seguono e iniziano a lavorare con le mani. Lui si ferma al loro fianco, se sbagliano direzione li riposiziona con un attimo, in caso di disastro, nel posto peggiore, nel momento peggiore la nostra vita dipende da un cane, un cane avete capito bene. Per ricordare questo vi lascio alcune immagini dedicate a tutti quelli che non hanno nel cuore un cane, a quelli che insistono nel dire”E’ solo un cane! A tutti quelli che, pur avendo il conto in banca, sono poveri e non lo sanno, perché non hanno un cane per amico!

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

tutti ad aspettare il loro segnale

poi devi anche sopportare questi cartelli, umilianti, è il termine giusto

loro sono i primi ad essere felici quando trovano qualcuno

e certo, in Chiesa danno fastidio, non danno forse fastidio le persone false e malvagie che siedono sui banchi e pregano? Forse è vero, non è un posto per loro, sono troppo buoni e puri! Ricordatelo gente quando li scacciate a li schifate, la vostra vita, o quella di un figlio, in un momento inaspettato, potrebbe dipendere da loro.
ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE