A Sochi è in corso una strage di randagi e nessuno ne parla

Home > Animali > A Sochi è in corso una strage di randagi e nessuno ne parla

Sochi, in Russia, ha ospitato le Olimpiadi invernali del 2014, e in quell’occasione, le autorità del posto hanno deciso di fare pulizia: migliaia di animali randagi sono stati uccisi. Quest’anno, a giugno, Sochi ospiterà la Coppa del mondo di calcio. La città ha oltre 2 milioni di animali randagi e la maggior parte di loro sono cani. Qualcosa deve essere fatto in modo che la storia non si ripeta!

Le autorità di Sochi si aspettano che circa 1 milione di persone partecipino alla Coppa del Mondo. I cacciatori di cani, come vengono chiamati in Russia, stanno uccidendo tanti cani randagi. Vengono assunti dalle città per “risolvere” il problema degli animali vaganti. In preparazione all’evento, il governo russo ha emesso un’ordinanza a gennaio in cui chiedeva alle città ospitanti (11 regioni) di creare rifugi temporanei per gli animali senzatetto. Tuttavia, non sono stati stanziati fondi per questi rifugi temporanei. L’ordinanza di gennaio era solo una trovata pubblicitaria, fumo buttato negli occhi degli osservatori internazionali e uno specchietto per le allodole per sembrare più umani? Ekaterina Dmitrieva, direttore dell’Urban Animal Protection Fund, afferma di aver trovato contratti governativi stipulati con questi cacciatori per abbattere i randagi nelle città ospitanti. Dmitrieva li ha portati all’attenzione del vice primo ministro Vitaly Mutko. I contratti usavano parole diverse come “distruzione”, “eutanasia” e “utilizzo delle carcasse” che lasciavano pochi dubbi. Mutko, in febbraio, aveva dichiarato di aver ordinato ai funzionari regionali di “adottare programmi umanitari per il controllo degli animali randagi”, secondo The Telegraph. Invece dei seguenti ordini, tuttavia, molte città hanno stipulato contratti per abbattere i randagi pochi giorni dopo.

“Vladimir Burmatov, capo del comitato per la protezione dell’ambiente, ha invitato il ministro dello sport Pavel Kolobkov in una lettera di fermare la” distruzione di massa degli animali non sorvegliati” nelle città ospitanti e trovare una soluzione umana”, riferisce The Telegraph.

Burmatov ha dichiarato: “È una questione di reputazione del nostro paese. Perché non siamo così selvaggi da uccidere in massa gli animali per la strada, buttare le loro carcasse sanguinanti nei vicoli e andare in giro per la città come se niente fosse”

Nel 2014, gli animali randagi sono stati uccisi con frecce avvelenate. Gli attivisti temono che questo metodo possa essere usato di nuovo. Le persone sono frustrate e vogliono che la Russia faccia maggiore attenzione a queste cose.

“Sochi 2014 fu una catastrofe e poi il governo disse che non avrebbero mai ripetuto quello che accadde allora”, afferma Dmitrieva. “Ma niente sta migliorando. Le cose stanno addirittura peggiorando.”

Olga Korzinina, attivista di animali di A Dog’s Life, sta impegnandosi attivamente in Russia per dire alle autorità locali di smettere di uccidere animali randagi. Il suo gruppo sta chiedendo alle persone di boicottare l’evento, perché i randagi vengono ancora uccisi. Korzinina dice al Telegraph: “Sparano tranquillanti che immobilizzano il cane… l’animale poi muore per soffocamento in 15 minuti”. Il gruppo non crede che i “cacciatori di cani” smetteranno di uccidere randagi. Dire e fare sono due cose diverse. La Russia ha bisogno di far rispettare l’ordinanza emessa a gennaio. Molti dei cani sono amichevoli e semi-addomesticati, grazie alla gente del posto che li nutre e si prende cura di loro. Il destino di questi animali è incerto.