Adolescente cavalca pony incinta e provoca aborto

Adolescente cavalca pony incinta e le provoca un aborto

Home > Animali > Adolescente cavalca pony incinta e provoca aborto

Un adolescente cavalca pony incinta e le provoca l’aborto. È accaduto a Bodmin Moor in Cornovaglia e il video girato da un suo amico è stato postato su Snapchat. La femmina di pony Shetland ha perso il puledro all’alba per il grande sforzo e la sua proprietaria ha chiesto aiuto alle autorità per trovare i colpevoli. Ecco il suo racconto.

Siamo a Bodmin Moor in Cornovaglia dove è accaduto un fatto deplorevole. Due adolescenti sono entrati di notte nel recinto dei cavalli e hanno trovato una femmina di pony Shetland incinta (una razza di cavalli in miniatura). Uno di loro ha iniziato a cavalcarla facendola correre velocemente. Il povero animale non era in grado di reggere il peso del ragazzo e poco dopo si è accasciata a terra e ha dato alla luce il suo puledro morto.

uomo-pony

Tutto è stato filmato con il cellulare dall’altro adolescente e poi postato su Snapchat “per ridere”!

Shetland-pony-incinta

La giovane proprietaria della fattoria, Hollie Cornelius, di Saint Breward, in Cornovaglia, ha scelto Facebook per condividere le immagini del video trovato su snapchat.

Ha scritto: “Per il de******te che pensa che sia divertente cavalcare un pony Shetland, questo è il risultato delle tue azioni. La cavalla chiaramente non poteva reggere il tuo peso corporeo ed è crollata a terra a metà del video. Quindi il risultato è stato un puledro morto e probabilmente una giumenta morta il mattino dopo! Spero che ne sia valsa la pena e spero che siate contenti di voi e delle vostre inutili vite!”

“Vorrei solo chiedere a tutti gli altri di fare attenzione agli animali, vi prego, sono esseri viventi e non sono giocattoli per il vostro divertimento.”

pony

L’incidente è oggetto di indagine da parte della RSPCA. Le immagini sono state condivise più di 14.000 volte e migliaia di utenti di Facebook scioccati hanno risposto al post, chiedendo che venisse contattata la polizia. La RSPCA ha detto: “Invitiamo chiunque abbia qualche informazione a chiamare la RSPCA al numero 0300 123 4999”.