Apollo, il cane senza naso

Home > Animali > Apollo, il cane senza naso

Il 21 gennaio, Brittany Faske ha ricevuto una telefonata inquietante. Un operaio in una discarica a Houston, in Texas, aveva individuato un pitbull ferito… l’uomo era agitato e parlava di una metà del viso mancante. Il cane si nascondeva tra i cespugli, non permettendo a nessuno di avvicinarsi a lui. Serviva aiuto e subito!

Faske lavorava come volontaria per ADORE (All Dogs Rescue Enterprise Enterprise di Houston) e si precipitò sulla scena. Quando vide il pitbull seduto vicino a un fosso tra i sacchetti del fast food e vecchi pneumatici, capìì che le sue condizioni erano peggiori di quanto inizialmente aveva immaginato. Ma sapeva che doveva catturarlo… al massimo, avrebbe potuto porre fine alla sua sofferenza. “Questo cane, una volta magnifico, era stato ridotto quasi al nulla”, ha dichiarato Faske. “Era pieno di ferite  le costole, le ossa dell’anca e la spina dorsale erano chiaramente visibili sotto la sua pelle: era coperto di terra e troppo debole per correre”. Quando Brittany provò ad avvicinarsi, il pitbull emise un ringhio di avvertimento. Questo non la allarmò – se lo aspettava dopo quello che aveva passato. Riprovò e, alla fine, il cane lasciò che la donna si avvicini abbastanza da ispezionare più da vicino le sue ferite. La maggior parte del naso e del muso del cane mancavano e quello che era rimasto penzolava sul suo viso. Brittany era sicura che era stata una persona a fargli tutto ciò – forse la stessa persona che gli aveva messo il collare grigio intorno al collo e, presumibilmente, l’aveva scaricato vicino alla discarica. “Il taglio era così netto e uniforme, che poteva essere stato fatto solo con uno strumento affilato”, spiega Faske. “Era come se qualcuno avesse letteralmente preso un coltello e tagliato la parte anteriore della sua faccia.” Oltre alle macabre ferite, c’era anche l’odore: un forte odore che indicava che c’era un’infezione in corso. Dopo un po’ di tentativi falliti, Faske è riuscita a infilare un guinzaglio sulla testa del pitbull. Lo chiamò Apollo, in onore del dio mitico della guarigione e della medicina. “Immediatamente, dopo avergli infilato il guinzaglio, il cane crollò a terra: il suo corpo diventò inerte – era come se sapesse che era al sicuro.”

Brittany caricò Apollo nella sua auto e lo portò direttamente dal veterinario. Questo povero cane doveva provare dei dolori lancinanti ma, in macchina, si rilassò e si addormentò. “Penso che sia stato il miglior sonno che abbia mai avuto”, dice Faske. Apollo non era ancora fuori dal epricolo. Aveva bisogno di cure mediche urgenti e Faske non era sicuro che ce l’avrebbe fatta. Ma quando arrivò dal veterinario, Apollo cominciò a camminare attorno all’area di attesa, annusando le persone e interagendo con gli altri cani.

“Tutti, dal veterinario, sono sembrati un po ‘intimiditi da Apollo”, afferma Faske. “Non credo che nessuno si aspettasse che un cane nelle sue condizioni andasse in giro come se nulla fosse.”

Oltre alle sue ferite facciali, Apollo è risultato positivo alla filaria, una condizione che si verifica quando i nematodi parassiti migrano attraverso i tessuti di un cane e si infilano nel suo cuore. Quando non curata, la filaria conduce alla morte.

Faske e il veterinario misero cibo e acqua davanti ad Apollo per vedere la sua reazione: se mangiava, avrebbe avuto una possibilità. Senza esitazione, Apollo inghiottì due scodelle di cibo e bevette l’acqua. Poi si avvicinò a Faske e appoggiò la sua testa su una gamba. “Da quel momento in poi, abbiamo capito che si sarebbe salvato.”, dice la donna.

Apollo aveva bisogno di un intervento chirurgico urgente ma Faske voleva assicurarsi che avesse la migliore cura possibile, così lo portò da un altro veterinario per un secondo parere. Poi, poche settimane dopo, Apollo ha subito un intervento di chirurgia ricostruttiva. La parte esterna del naso di Apollo era sparito ma aveva ancora una cavità nasale che gli permetteva di respirare.

Durante l’operazione, il veterinario ha posizionato un innesto di pelle intorno all’osso esposto della cavità nasale di Apollo, che avrebbe protetto ciò che restava del suo naso. Una parte della mascella superiore di Apollo e alcuni denti sono dovuti essere rimossi ma il veterinario riuscì anche a risparmiare abbastanza della sua bocca in modo che potesse mangiare e bere normalmente.

Mentre accadeva tutto questo, l’adozione non ha sfiorato nemmeno per un secondo la mente di Faske: era troppo occupata a preoccuparsi che Apollo facesse il suo intervento chirurgico. Eppure Faske sapeva che lei e Apollo condividevano un legame speciale e che questo legame diventava sempre più forte ogni giorno. Lo visitò tutte le volte che poteva mentre era in clinica. “Nel profondo, sapevo che volevo tenerlo, ma avevo solo bisogno di trovare un modo”, ha raccontato la donna.

Non appena Apollo si fu ristabilito, Faske lo presentò ai suoi due altri cani, entrambi maschi di oltre 10 anni. “Erano entrambi razze prepotenti e molto caratteriali”, ha detto Faske. “un paio di vecchi scontrosi, non ero sicura che avrebbero accettato un altro cane, erano piuttosto pronti e protettivi nei miei confronti.” Ancora una volta, Apollo superò le aspettative di Faske. I suoi cani non solo accettarono Apollo ma fù chiaro, fin da subito, che anche Apollo li adorava. Il “feroce” pitbull amava stare con le persone, il che era abbastanza sorprendente dopo tutto quello che aveva passato. Faske non ebbe più dubbi ad adottare ufficialmente Apollo. Anche con le sue cicatrici, Apollo ora vive una vita piena. Il suo naso ricostruito funziona come qualsiasi altro naso di cane, permettendogli di respirare, annusare e starnutire.

Con l’amore di Faske, Apollo sembra aver superato il suo trauma emotivo. “Non ho mai visto un cane più felice”, dice Faske. “Puoi vedere la fiducia e l’amore nei suoi occhi.” Le attività preferite di Apollo sono dormire su una grande sedia che ha rivendicato come sua e guardare la TV con Faske. Ama anche giocare con i suoi fratelli canini, mangiare e prendere il sole. Ogni sabato, Faske porta Apollo ad allenarsi al Total Control K9 College, che gentilmente gli ha donato alcune sessioni di allenamento private. “In qualche modo sa quando è sabato perché mi aspetta pazientemente vicino alla porta”, dice Faske. “È sicuramente il nostro momento insieme e non vede l’ora di fare un giro in macchina.”

Apollo è stata una tale fonte d’ispirazione per tutti, che ADORE lo ha reso la sua mascotte ufficiale per aumentare la consapevolezza della crudeltà sugli animali. “Sembra che abbia trovato la sua vocazione e sia stato in grado di mettersi alle spalle il suo terribile passato”, dice Faske. “Sta mostrando al mondo che un animale che ha sofferto così tanto e che è stato gettato via, può superare le circostanze a cui era stato predestinato e diventare un esempio per altri animali”.

“Dopo tutto quello che ha passato, mi stupisce quanto sia felice e spensierato con tutti”, dice Faske. “Apollo è davvero una benedizione: senza ADORE Houston e il sostegno della comunità, Apollo non sarebbe stato dov’è oggi: ci è voluto un paese intero per aiutarlo a guarire e sono così grata a tutti coloro che hanno contribuito”.