Aries, il gatto ragno

Aries, il gatto ragno era diverso dagli altri e nessuno lo voleva: ecco cosa hanno deciso i volontari.

Home > Animali > Aries, il gatto ragno

Aries, il gatto ragno, era strano da appena nato. Lui e i suoi fratelli hanno visto la luce in un rifugio rurale per animali abbandonati. Sua mamma, una gatta selvaggia con solo 3 zampe, era stata trovata all’interno di una trappola… incinta. Faceva molto freddo quando nacquero i cuccioli e il rifugio non aveva un grande sistema di riscaldamento e, così, i volontari fecero appello ai salvataggi locali, sperando che qualcuno sarebbe stato in grado di ospitare la piccola famiglia.

Essendo ferale, la mamma gatta era già molto stressata nell’ambiente del rifugio e lo staff era preoccupato che non si sarebbe occupata dei suoi bambini se non fosse stata trasferita il prima possibile in un posto più caldo e tranquillo. Fortunatamente, Tracy Pitisci, una donna che stallava spesso i casi più difficili del rifugio, ha sentito la storia di Aries e della sua famiglia e ha deciso di aiutarli rivolgendosi all’associazione Ana’s Angels. La mamma gatto, che è stata, in seguito, chiamata Diana e i suoi gattini arrivarono a casa della famiglia Pitisci a Jacksonville, in Florida, solo poche ore dopo la nascita della cucciolata.

gattino

Non erano stati allattati molto perché Diana era molto stressata e Tracy Pitisci decise di controllarli.

gattino-aries

Fu così che notò qualcosa di diverso in Aries. “Abbiamo ispezionato i gattini e, in quel momento, abbiamo notato le zampe di Aries”, ha detto Pitisci. “Erano completamente piegate verso il suo stomaco. Si potrebbe dire che le articolazioni non erano rivolte nella direzione corretta. Sapevamo che avrebbe avuto una lunga strada da percorrere se ce l’avesse fatta ma credevamo che potesse farcela.”

piccolo-aries

Dopo averli sistemati tutti in una stanza silenziosa, Diana iniziò a calmarsi e iniziò ad allattare e prendersi cura dei suoi cuccioli.

zampe-storte

Tutti erano così sollevati e, una volta scoperto che tutti i gattini sarebbero stati bene, la famiglia adottiva spostò la loro attenzione su Aries e su cosa si poteva fare per le sue zampe contorte. “A differenza dei suoi fratelli, l’Aries ha anche avuto difficoltà ad uscire dal suo box”, ha detto Pitisci. “Un veterinario ci ha consigliato di legare le sue zampe posteriori usando nastro e una stecca.”

piccolo-gatto

Mentre cresceva, le gambe di Ariete continuavano a sembrare diverse…

nuova-famiglia

e il fatto di essere nero, lo facevano quasi sembrare un adorabile piccolo ragno.

Nonostante le sue differenze, la sua famiglia adottiva non poteva non amarlo e continuavano a cercare la sua famiglia.

“Sapevamo che amavamo Aries. Poi ci siamo resi conto che aveva già trovato la sua casa con noi. Adottare l’Aries ha portato un’enorme gioia alla nostra famiglia”.