Asino imprigionato senza cibo e acqua per aver fatto dei danni

Un povero asino è finito letteralmente in prigione, dietro le sbarre, senza ricevere acqua e cibo, come punizione

Home > Animali > Asino imprigionato senza cibo e acqua per aver fatto dei danni

Questa è la storia di un povero asino che è stato letteralmente messo in prigione. E’ stato rinchiuso dietro le sbarre, come se fosse un delinquente patentato. E non gli sono stati concessi ne cibo ne acqua. E tutto per metterlo in punizione. Come si fa a essere così crudeli con dei poveri animali?

Ci troviamo nella città di Saragozza La Montaña, in Messico, dove un povero asino è stato prima processato, poi giudicato colpevole, quindi condannato e infine incarcerato. Sì, stiamo proprio parlando di un asino, un animale, non di una persona che ha commesso un crimine per sua volontà. Ma un animale che ha provocato danni, ma senza volerlo. E’ pur sempre un animale, non vi pare?

Secondo chi lo ha accusato, il povero asino ha avuto un momento di impulsività in cui ha preso a calci ogni cosa gli capitasse a tiro. Ha distrutto molte cose in quel momento di rabbia. Nessuno si è fermato a chiedersi cosa avesse scatenato a lui quell’impeto di distruzione, nessuno si è domandato se magari non fosse successo qualcosa che abbia messa a dura prova la sua calma. Lui è stato condannato per il suo gesto a vivere in condizioni prive di dignità.

L’uomo che lo ha praticamente condannato alla prigione ha così commentato l’accaduto: “Non solo ha finito la frutta e la verdura, non contento con un solo calcio ha spezzato lo specchietto retrovisore del mio camion. Qualcuno deve pagare per questo disastro”.

Purtroppo non è l’unico asino a essere finito in carcere nel paese, dal momento che il comune di Comitán de Domínguez, nello stato del Chiapas, in Messico ha messo in gabbia un animale trovato in piazza, fino a quando il proprietario non verrà a reclamarlo.

Molto bambini e curiosi arrivano in città per incontrarlo e dargli da mangiare. E magari provare a dargli un po’ di conforto.

Un trattamento davvero indegno!