Bambini iniettano della cocaina nelle vene di Suzi

Home > Animali > Bambini iniettano della cocaina nelle vene di Suzi

I maltrattamenti agli animali sono molto diffusi. Insieme a questi, esiste anche l’abbandono. Sono piaghe che sono impossibili da combattere. Solitamente chi si comporta in modo così crudele, sono gli uomini adulti. Ma nel caso di Suzi, non è stato proprio così, perché a farle del male sono stati dei bambini.

I volontari hanno trovato la cucciola a quattro zampe, immobile, davanti ad una farmacia. Non riusciva nemmeno ad alzarsi. I testimoni, hanno detto ai ragazzi, che sicuramente le era stato fatto qualcosa di davvero crudele da alcuni bambini del quartiere. Così quando l’hanno portata al rifugio e il veterinario è andato subito a visitarla. Quest’ultimo ha scoperto che i dubbi che avevano, erano reali. Perché a Suzi, dei bambini le avevano iniettato della cocaina. L’hanno dovuta ricoverare immediatamente alla clinica per animali, Fedely Friend Animal Society, dove tutti i medici hanno cercato di fare qualcosa per aiutarla. Le hanno dovuto iniettare diversi farmaci endovena. Tutto questo per cercare di eliminare la droga dal suo sistema. Il direttore della clinica, Kevin Rentz, ha dichiarato: “Quando è arrivata non poteva camminare, stare in piedi, mangiare e bere. I nostri veterinari non avevano mai visto un così grande abuso in un animale. Era davvero straziante.” Per due giorni, Suzi ha dovuto subire diversi trattamenti. Il problema era che poteva a malapena tenere la testa alta. In pratica non capiva nulla di quello che le stava succedendo. Ma dopo tre giorni, i miglioramenti sono arrivati tutti insieme e la cucciola a quattro zampe, ha mostrato un volto diverso e tutti i volontari si sono innamorati della sua personalità felice.

Dopo una settimana, grazie al lavoro di tutto il team, Suzi già riusciva ad andare fuori a correre ed a giocare. I volontari, per la sua felicità, hanno pensato che nella sua vita non avesse mai avuto dei giocattoli. La sua storia ha fatto il giro del mondo, anche perché non si era mai sentita una cosa del genere.

Ma quando Aida Alicea, l’ha saputa, è andata immediatamente al rifugio per adottarla. La donna ha dichiarato: “Eravamo devastatati nel sapere che qualcuno, specialmente dei bambini, ha fatto qualcosa di così crudele. Quando l’abbiamo vista per la prima volta si è sdraiata nella gabbia e ci ha solo guardato, era così calma, non ha mai abbaiato, non si è mai tirata indietro.”

Grazie a questa meravigliosa famiglia, ora Suzi ha una nuova casa, una sorellina a quattro zampe con cui giocare. Aida ha dichiarato che non c’è un momento in cui sta ferma. Ama giocare ed ama andare a passeggio con il suo amico umano.

Un grazie speciale va a questi veterinari che hanno fatto di tutto per salvarla!