Perugia-bimba-di-6-anni-affetta-da-malaria-le-sue-condizioni-sembrano-stabili

Bimba di 7 anni aggredita da un cane: la proprietaria è scappata via

La donna non ha prestato soccorso alla piccola

A Baronissi, in provincia di Salerno, in Campania, una bimba di 7 anni è stata aggredita da un cane. La proprietaria, al posto di soccorrere la piccola vittima, presa di mira dal suo cane di taglia media, ha deciso di andarsene, non curante dei danni causati dal suo animale domestico. Ora rischia una denuncia per omissione di soccorso.

Milano-bimba-di-5-anni-schiacciata-da-un-armadio 1
Fonte foto da Pixabay

La bambina si trovava nel parco Melissa Bassi di Baronissi insieme alla nonna, quando un cane di taglia media l’ha aggredita. Subito la nonna, insieme alle numerose persone presenti, ha soccorso la piccolina, mentre la proprietaria del cane se n’è andata senza sincerarsi delle condizioni di salute della piccola.

Il cane ha ferito la bambina alla gamba, ma per fortuna non è niente di grave. L’aggressione ha avuto luogo nella città campana nella giornata di domenica 12 giugno, in un parco molto frequentato da bambini, soprattutto nelle domeniche pomeriggio estive.

Gianfranco Valiante, sindaco di Baronissi, ha denunciato quello che definisce un fatto gravissimo.

Un fatto gravissimo. Nel trambusto generale la proprietaria del cane, responsabile di lasciare il suo animale sciolto e senza museruola, ha pensato bene di darsela a gambe levate. Gravi violazioni di puntuali ordinanze sindacali (gli animali d’affezione nella pubblica via devono essere semite tenuti al guinzaglio e indossare la museruola) e della legge penale (omissione di soccorso).

Perugia-bimba-di-6-anni-affetta-da-malaria-le-sue-condizioni-sembrano-stabili

Bimba di 7 anni aggredita da un cane, il sindaco si rivolge alla proprietaria del cane con queste parole

Signora faccia uno sforzo, se la sua natura ancora glielo consente e faccia conoscere queste notizie alla famiglia. La inciviltà, che spesso sconfina nella barbarie, è un mostro che combattiamo ogni giorno. Occorre che tutti ci diamo una reciproca mano. La solidarietà a parole non serve in casi come questo . E neppure possiamo invocare videosorveglianza ad ogni metro della città per lavarci forse la coscienza.