Cammelli costretti a partecipare a gare di sollevamento pesi

Ogni anno questo evento di sollevamento pesi, si svolge in Pakistan

Home > Animali > Cammelli costretti a partecipare a gare di sollevamento pesi

In diverse parti del mondo, per via di alcuni “sport”, perché è così che vengono chiamati o di alcune tradizioni, che continuano a tramandarsi, migliaia di animali vengono sfruttati e maltrattati solo a scopo di intrattenimento e di lucro. Cuccioli, che vengono strappati precocemente alle loro mamme ed usati in spettacoli per i turisti.

Oggi vogliamo parlarvi dei cammelli, utilizzati come mezzi di trasporto, alle feste, come attrazioni e nei casi peggiori, nelle competizioni di sollevamento pesi. Questi poveri animali vengono appesantiti con dei sacchi e poi costretti a stare in piedi. Ogni anno questo evento di sollevamento pesi, si svolge in Pakistan ed è aperto a tutto il mondo. Quest’anno il cammello vincitore è riuscito a sollevare 1,7 tonnellate di quei sacchi, l’equivalente di una piccola automobile. L’associazione PETA è intervenuta al riguardo ed ha definito questo “sport”, come una forma di abusi verso gli animali. “I cammelli sono individui intelligenti e sensibili. E trattarli come gru viventi per il divertimento umano, è un’ingiustizia.  Soffrono già per mano di persone che li trattano con ignoranza e arroganza “. I sacchi che vedete sopra i cammelli, sono pieni di pietre. Questi vengono pesati davanti a tutti i concorrenti e a tutto il pubblico e poi posizionati su ogni cammello. Gli animali sono costretti ad alzarsi e a camminare per 15 minuti. Nonostante l’opposizione degli attivisti, nulla è stato fatto per fermare il concorso annuale dei cammelli, a cui quest’anno hanno partecipato circa 20.000 persone. Purtroppo se la gente continuerà a partecipare a questi eventi, tali sofferenze non cesseranno mai.

Guardate questo video:

Secondo voi, quel cammello, non sta soffrendo con tutto quel peso?

Cosa pensate di questi “sport”?

Lasciateci la vostra opinione e condividete con più persone possibili. Dobbiamo aumentare la consapevolezza!